“Non Autorizzo Facebook”: L’immortale bufala che sfida il senso comune e le leggi della logica

In un incredibile colpo di scena che sconvolge le fondamenta del diritto digitale, milioni di utenti di Facebook hanno recentemente scoperto un trucco infallibile per proteggere i propri dati personali: un semplice post. Sì, avete letto bene. Perché preoccuparsi di noiose impostazioni sulla privacy o di leggere termini di servizio lunghi quanto un romanzo di Tolstoj, quando puoi semplicemente dichiarare su Facebook che “non autorizzi Facebook”?

Questo rivoluzionario metodo legale, che probabilmente manderà in pensione avvocati e esperti di privacy, si basa su un principio semplice: se lo scrivi su Facebook, deve essere vero. Del resto, chi ha bisogno di leggi e contratti quando un post scritto in maiuscolo può fare il lavoro?

E non finisce qui.

Secondo fonti non verificate ma decisamente affidabili, pubblicare questo messaggio non solo impedisce a Facebook di utilizzare i tuoi dati, ma ti rende anche immune da multe di parcheggio, ti fa perdere 5 kg in una settimana e ti garantisce un posto in prima classe su tutti i voli.

In una dichiarazione esclusiva per questo articolo, che abbiamo completamente inventato, un portavoce di Facebook ha detto: “Siamo sconvolti. Come abbiamo fatto a non pensarci prima? Ora dovremo riscrivere completamente le nostre politiche sulla privacy. Forse aggiungeremo anche un paragrafo che annulla la gravità se lo condividi abbastanza volte.”

Per concludere, il messaggio “Non autorizzo Facebook” si conferma come la panacea di tutti i problemi della privacy online. Chi avrebbe mai detto che la soluzione era così semplice? Restate sintonizzati per il prossimo aggiornamento di questa storia, che ci aspettiamo di vedere circolare nuovamente tra un anno, come un rito annuale di purificazione digitale.

Ecco il testo integrale

Ehi 🔵 È ufficiale. Firmato alle 0639 ore. È stato anche in TV.
Il mio è davvero diventato blu. Ricordatevi che domani inizia la nuova regola di Facebook (alias… nuovo nome META) dove possono usare le tue foto. Non dimenticate che la scadenza è oggi!!! Non concedo a Facebook o a nessuna entità associata a Facebook il permesso di usare le mie foto, informazioni, messaggi o pubblicazioni, passate e future.
Con questa affermazione, avviso Facebook che è severamente vietato divulgare, copiare, distribuire o intraprendere qualsiasi altra azione contro di me in base a questo profilo e/o al suo contenuto. La violazione della privacy può essere punita dalla legge
NOTA: Facebook è ora un ente pubblico. Tutti i membri devono pubblicare una nota come questa.
Puoi copiare e incollare questa versione se preferisci. Se non pubblichi una dichiarazione almeno una volta, consentirà tacitamente l’uso delle tue foto, così come le informazioni contenute nel tuo profilo e negli aggiornamenti di stato.
NON CONDIVIDERE. Copia e incolla.
Ecco come procedere:
Tieni il dito ovunque in questo messaggio e apparirà “copia”. Clicca su “Copia”. Poi vai sulla tua pagina, crea un nuovo post e metti il dito ovunque nel campo vuoto. “Incolla” comparirà e clicca su Incolla.
Questo bypasserà il sistema…
Chi non fa nulla acconsente.

L’ironia degli utenti di Facebook

Molti utenti, quelli che non credono a questa bufala hanno postato diversi post satirici come questi:

ⓘ 𝘘𝘶𝘦𝘴𝘵𝘰 𝘤𝘰𝘮𝘮𝘦𝘯𝘵𝘰 𝘦̀ 𝘥𝘪𝘴𝘱𝘰𝘯𝘪𝘣𝘪𝘭𝘦 𝘴𝘰𝘭𝘰 𝘱𝘦𝘳 𝘨𝘭𝘪 𝘶𝘵𝘦𝘯𝘵𝘪 𝘍𝘢𝘤𝘦𝘣𝘰𝘰𝘬 𝘎𝘰𝘭𝘥 𝘰 𝘗𝘭𝘢𝘵𝘪𝘯𝘶𝘮, 𝘢𝘣𝘣𝘰𝘯𝘢𝘵𝘪 𝘱𝘦𝘳 𝘷𝘪𝘴𝘶𝘢𝘭𝘪𝘻𝘻𝘢𝘳𝘯𝘦 𝘪𝘭 𝘤𝘰𝘯𝘵𝘦𝘯𝘶𝘵𝘰.

non autorizzo facebook bufala

Leggi anche
La bufala del sale rosa dell'Himalaya
Leggi anche
La bufala dei veleni bianchi, zucchero, farina, latte e sale

Questo articolo è stato utile ?

Grazie per il tuo feedback!

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!