Peronospora del pomodoro: riconoscerla e curarla – Rimedi naturali

Come riconoscere e curare la Peronospora del pomodoro, rimedi.

Chi coltiva l’orto almeno una volta avrà piantato qualche pianta di pomodori. Non sono piante difficili da coltivare e possono rendere molto, ma come tutte le piante possono ammalarsi, in questo articolo proponiamo una breve guida per riconoscere e curare la Peronospora del pomodoro.

Leggi anche
Calendario lunare della semina per orto e giardino (video)

Informazioni sulla Peronospora del pomodoro

Questa malattia funginea, meno nota con il nome di Phytophthora infestans, colpisce solitamente le solanacee (quindi anche patate e melanzane). Inizia a manifestarsi con una variazione della pigmentazione delle foglie, dal verde al giallo. Le macchie diventano in seguito più scure, quindi si accartocciano e sul fusto compaiono delle macchie nere. I frutti della pianta colpita dalla malattia difficilmente matureranno e saranno intaccati dal fungo. La malattia inizia a manifestarsi in primavera.

Peronospora del pomodoro

Leggi anche
Pomodori ripieni: Ricetta economica e veloce

Cause della Peronospora del pomodoro

Questa malattia ha origine da un‘eccessiva umidità del terreno e quindi dalla presenza di acqua stagnante.

Come prevenire e curare la Peronospora del pomodoro

Per prima cosa occorre seminare le piante di pomodori ad un’adeguata distanza una dall’altra ed evitare di coltivare le solanacee in terreni molto umidi. Occorre inoltre evitare di bagnare le foglie e ripulire il terreno dalle stesse per evitare i ristagni di umido.

Per prevenire la malattia si possono mettere le radici delle piante di pomodoro, prima del trapianto, a bagno in una mistura di argilla e decotto di equiseto (o di ortica) oppure usare lo stesso decotto per trattare le foglie che si stanno ammalando.

Se la pianta inizia ad ammalarsi vanno rimosse le parti infette e bruciate onde evitare la diffusione delle spore. Quindi trattare la pianta tre volte, ogni quindici giorni con una soluzione idroalcolica di propoli. Ossicloruro di rame solo se veramente necessario, ovvero in casi gravi in cui non si riesce ad arrestare la diffusione del fungo.

Peronospora del pomodoro

Leggi anche
Orto sul balcone tutto il necessario e i consigli su come crearlo

Un approfondimento su questa malattia delle piante

La Peronospora è un genere di oomiceti che causa la malattia nota come peronospora o mildio, che può colpire diverse piante, inclusi i pomodori. Alcuni dei patogeni all’interno di questo genere possono colpire specificamente alcune piante. Ad esempio, Peronospora plantaginis e Peronospora alta sono stati riportati come patogeni delle piante del genere Plantago, mentre Peronospora parasitica attacca prevalentemente le piantine di colza​​. Inoltre, è stato segnalato che le piante di peperone possono essere infettate dalla peronospora, ma senza mostrare sintomi​​.

I pomodori possono contrarre diverse malattie, molte delle quali hanno origine fungina e, sfortunatamente, hanno la capacità di infettare anche altre specie vegetali​​.

Trasmissione della Malattia

La peronospora si diffonde principalmente attraverso spore fungine che possono essere trasportate dal vento o dall’acqua. Ma se ti stai chiedendo se i pomodori possono passare la malattia ad altre piante, la risposta è sì, ma indirettamente. Se le spore della peronospora si depositano sui pomodori, possono essere trasportate ad altre piante vicine, specialmente se le condizioni sono umide.

Per prevenire o monitorare la Peronospora, sono stati sviluppati diversi sistemi tecnologici. Tra questi, l’app “Peronosporazero” offre un modello previsionale della peronospora e monitoraggio in tempo reale delle condizioni meteorologiche nel campo​6​. Inoltre, un’azienda siciliana, Lualtek, ha ideato un sistema di intelligenza artificiale per il monitoraggio e la prevenzione della peronospora sparsa, utilizzando reti di trasmissione senza internet e wireless​​.

Esistono anche diverse applicazioni mobili, come “Pestoz Identify Plant diseases”, “Cropalyser”, “PDDApp: plant disease detection”, “Leafy”, “Plant Disease Detector”, “PlantifyDr” e “Plant Diseases and Pests”, che offrono funzionalità per l’identificazione e il monitoraggio delle malattie delle piante​​.

Inoltre, sono state introdotte diverse tecnologie emergenti per monitorare la salute delle piante e rilevare le malattie in una fase precoce, come i sistemi di sensori indossabili e la tecnologia di sensoristica remota, che includono sistemi di telerilevamento termico infrarosso e a fluorescenza, oltre a patch elettroniche applicabili sulle foglie delle piante per monitorare i diversi patogeni​​.

Queste tecnologie possono aiutare gli agricoltori a prevenire o limitare l’espansione della Peronospora, fornendo dati in tempo reale sulla salute delle piante e consentendo interventi tempestivi per trattare o prevenire le infezioni.

Questo articolo è stato utile ?
SiNo

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News!

2 risposte

    1. Come scritto nell’articolo:
      Per prevenire la malattia si possono mettere le radici delle piante di pomodoro, prima del trapianto, a bagno in una mistura di argilla e decotto di equiseto (o di ortica) oppure usare lo stesso decotto per trattare le foglie che si stanno ammalando.

      Se la pianta inizia ad ammalarsi vanno rimosse le parti infette e bruciate onde evitare la diffusione delle spore. Quindi trattare la pianta tre volte, ogni quindici giorni con una soluzione idroalcolica di propoli. Ossicloruro di rame solo se veramente necessario, ovvero in casi gravi in cui non si riesce ad arrestare la diffusione del fungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.