Moda sostenibile: quali brand offrono capi green

74Shares

La moda sostenibile esiste: si tratta infatti di un trend che risulta essere in continua evoluzione. Rispetto soltanto a qualche anno fa, infatti, questo mondo ha fatto enormi passi in avanti: nel recente passato, quando si sentiva parlare di moda green si pensava subito a capi di abbigliamento oversize realizzati in tessuti grezzi o ad accessori prodotti in cuoio.

Col passare del tempo, invece, c’è stato l’avvento delle magliette realizzate in cotone, ma anche dei piumini e dei giubbini invernali. La moda sostenibile, quindi, nonostante decenni fa apparisse come un concetto utopico, oggi è realtà.

Tutto ciò è possibile soprattutto grazie alla forte presenza e incidenza dei brand sostenibili, i quali ormai ci consentono di acquistare prodotti sostenibili all’interno di migliaia di negozi di abbigliamento.

moda sostenibile brand 800x584 - Moda sostenibile: quali brand offrono capi green

Leggi anche
Vestiti usati: un business ecologico, come organizzare un perfetto swap party

Brand sostenibili: la nostra classifica

Come accennato, oggi gli acquisti sostenibili possono essere tranquillamente effettuati all’interno di qualsiasi negozio di abbigliamento. Indossare capi realizzati con materiali ecologici e con modalità tali da ridurre ai minimi termini lo spreco e l’inquinamento, è una conquista davvero eccezionale per tutta l’umanità.

Oggi sono molti i brand che hanno sposato la causa ambientale e di seguito abbiamo preparato una classifica dei migliori.

1) Stussy

Stussy è un brand nato dal surf. Al giorno d’oggi è un vero e proprio simbolo dello streetwear internazionale e proprio all’inizio di quest’anno ha iniziato una collaborazione con Nike per quanto riguarda la realizzazione di capi d’abbigliamento ecosostenibili. I tessuti utilizzati derivano in grandissima percentuale da nylon riciclato.

Il top di gamma di questa collaborazione è rappresentato dalle Air Force 1, la cui grafica è realizzata attraverso l’utilizzo di piante.

stussy moda sostenibile marchi e1624290761843 800x724 - Moda sostenibile: quali brand offrono capi green

2) Stella McCartney

Stella McCartney è una famosissima stilista inglese. Vegetariana da sempre, fonda il suo brand nel 2011 realizzando capi super chic e super alla moda, ma interamente realizzati con materiali naturali. Grazie alla sua geniale idea volta a promuovere la moda sostenibile, nel 2018 ha conquistato il premio Global Voices Award. I suoi capi non sono solo green: si tratta infatti di indumenti curati nei minimi dettagli, molto eleganti e sofisticati.

Leggi anche
Decluttering dei vestiti: l’arte minimalista nell’armadio, istruzioni per l’uso

3) Patagonia

Questo storico brand nato nel 1973, al giorno d’oggi è uno dei migliori marchi di moda ecosostenibile. Tra i top di gamma figurano i piumini invernali eco friendly che sono realizzati completamente con piume di certa provenienza e risultano essere in grado di riscaldare in modo completo ed efficace. Tutti i capi e gli accessori quindi, sono realizzati soltanto con cotone organico, poliestere riciclato e altri materiali ecosostenibili.

4) Timberland

Chi non conosce Timberland? Anche quando la moda sostenibile non era ancora una vera e propria realtà, Timberland aveva già lanciato l’idea di realizzare prodotti amici dell’ambiente. Non a caso attualmente è uno dei migliori brand ecosostenibili non solo per quanto riguarda le calzature, ma anche per quanto riguarda i capi di abbigliamento quali felpe, t-shirt e pantaloni. Anche in questo caso si tratta di prodotti realizzati o con cotone organico oppure con poliestere riciclato, che viene ricavato dallo smaltimento delle bottiglie di plastica.

5) Nanushka

Meno famoso e più recente dei brand visti in precedenza, Nanushka è tuttavia uno dei più innovativi di tutti ed è senza ombra di dubbio lo stile green più gettonato del momento. Questa linea infatti, offre giubbotti interamente vegani che risultano essere realizzati con pelle ecologica: questi ultimi in particolare sono i protagonisti indiscussi nei profili instagram della stragrande maggioranza delle modelle.

6) Organik Style

Questo brand Made in Italy è anch’esso uno dei migliori e dei più famosi. Nato a Barletta in Puglia risulta essere in grado di realizzare scarpe con la suola vulcanizzata. Questo metodo consiste nella fusione di materiali vegetali, che quindi vengono trattati e trasformati ad altissime temperature: mediante questo processo si vanno ad eliminare tutti gli agenti chimici, rendendo quindi le calzature altamente ecosostenibili.

Leggi anche
Come riciclare la carta in casa, tante idee ecologiche e utili

7) Philippe Model

Impossibile non citare Philippe Model. Da sempre uno dei simboli della moda ecosostenibile, questo brand ancora oggi continua a sorprendere. Quest’anno infatti, per la collezione primavera-estate, ha lanciato Lyon: si tratta di una calzatura realizzata con materiali in fibre di mais.

Oltre a queste fibre, come nei casi precedenti, troviamo il cotone organico e il poliestere riciclato.

8) Reformation

Questo fantastico brand risulta essere capace di abbinare moda e sostenibilità in una maniera veramente perfetta. Tra tutti i brand infatti, è senza ombra di dubbio uno dei più fighi in assoluto: le collezioni Reformation sono prevalentemente femminili. Lo scopo di questo marchio infatti, è proprio quello di esaltare la femminilità, donando notevole importanza alla figura femminile appunto. I materiali utilizzati risultano essere privi di sostanze nocive e tra i tessuti più usati figurano il lino e la viscosa. Addirittura, alcune magliette, vengono realizzate attraverso il riciclo di vecchi vestiti.

9) Maggie Marilyn

Questa stilista da sempre innamorata del mondo della natura, nel 2016 ha creato il suo brand. Nata e cresciuta in Nuova Zelanda, si è laureata in Moda e Sostenibilità con il massimo dei voti. Tutti gli indumenti e i capi di abbigliamento realizzati da questo brand sono fatti con fibre riciclate, ma non solo. Lo scopo di quest’ultimo non è solo quello di dare vita a capi di abbigliamento ecosostenibili, ma anche quello di dire addio a tutti gli imballaggi in plastica.

74Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.