fbpx

Sviluppato fegato con cellule staminali pluripotenti

fegato con cellule staminali

Un team di scienziati giapponesi dell’Università Yokohama ha sviluppato un fegato umano funzionale ricavato da cellule staminali pluripotenti indotte (iPS), come pubblicato il Mercoledì la rivista scientifica Nature.

Questa ricerca, condotta sui topi, potrebbe portare a una svolta nella medicina rigenerativa, in quanto, una volta clinicamente dimostrato, permetterà di affrontare la carenza di donatori per curare le malattie del fegato di un malato terminale.

Anche bisognerà attendere almeno sette anni prima che queste tecniche possano essere testate su pazienti umani, lo studio fornisce una dimostrazione dell’enorme potenziale terapeutico di questo tipo di trapianto. Questo quanto affermato da Takanori Takebe Efe, che ha condotto lo studio. Il risultato ottenuto è positivo, rispetto ad altri studi, in quanto la squadra scientifica Yokohama si è concentrata sulle prime fasi della creazione di un corpo.

Leggi anche
Carote di Polignano: prodotto Made in Italy contro il diabete

Gli scienziati sono stati in grado di generare per la prima volta un fegato da quelle che sono chiamate cellule staminali pluripotenti (iPS), capaci di diventare qualsiasi tipo di tessuto, come le cellule staminali embrionali. Il team ha trapiantato un focolaio di cellule del fegato, creati in laboratorio da cellule iPS umane in un topo, dove il corpo ha maturato un tessuto simile a un fegato umano.

Leggi anche
Trapianto di trachea creata con cellule staminali a una bambina di due anni

La sfida più grande del team Takanori sarà quello di scoprire come creare molti di questi focolai di fegato per generare un fegato delle dimensioni di un adulto, uno dei più importanti organi del corpo. “Dobbiamo produrre una quantità significativa di focolai di fegato ad un costo ragionevole, comprese le valutazioni di sicurezza “, ha detto Takanori Efe. Nel corso del tempo, lo scienziato giapponese spera che la sua scoperta potrebbe essere applicata ad altri organi come il pancreas.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.