Celiachia: cos’è, sintomi e cosa fare

5Shares

La celiachia è una flogosi* (*in medicina, infiammazione) cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti. La causa è una predisposizione genetica.

Il glutine altro non è che una frazione proteica alcool-solubile di alcuni cereali, quali frumento, orzo e segale.

Sfortunatamente chi ne è vittima non deve in nessun modo venire a contatto con il glutine perché rischia grossi guai.

In pratica il consumo di glutine causa, in un individuo predisposto, un’eccessiva risposta immunitaria che va a colpire le cellule dell’intestino tenue deputate all’assorbimento dei nutrienti.

Recenti studi hanno scoperto una profonda relazione tra l’infezione da un comune virus chiamato rotavirus e la celiachia. I celiaci possiedono degli anticorpi per una specifica proteina presente in questo virus. Tali anticorpi captano la sua presenza sulle cellule dei villi intestinali e l’attaccano per neutralizzarla. Attaccando questo virus si espone l’intestino al rischio d’incontro con il glutine scatenando l’infiammazione.

 

Potrebbe interessarti anche: Perchè il glutine fa male

Intolleranza permanente al glutine: la celiachia

Vediamo da cosa devono star lontane le persone che ne soffrono:

  • avena

  • frumento

  • farro

  • kamut

  • orzo

  • segale

  • spelta

  • triticale

Attenzione però, non significa solo non ingerire queste sostanze, significa anche che i cibi che vengono preparati non devono contenerne neanche in minima parte né esservi entrati in contatto.

Quali sono i fattori che incidono sulla comparsa della celiachia?

Innanzitutto diremo che la celiachia può comparire fin da bambini.

Si scatena a seguito di questi fattori concomitanti:

  • una dieta con cereali contenenti glutine;

  • il fattore genetico: presenza di specifiche sequenze (HLA-DQ2 e HLA-DQ8) nei geni che definiscono la struttura con cui le nostre cellule immunitarie riconoscono i diversi elementi che vengono a contatto con esse.

Leggi anche
CBD: il suo utilizzo è in crescita e può essere un vero affare

Sintomatologia della celiachia

I sintomi sono variabili da persona a persona:

  • diarrea

  • dimagrimento

  • linfoma intestinale

  • gonfiore addominale

  • stanchezza cronica

  • debolezza e mancanza di energia

  • anemia

  • dermatite erpetiforme

  • nausea

  • vomito

  • perdita dell’appetito

  • osteoporosi

  • carenza di vitamine e/o di minerali

  • disturbi della fertilità e ripetuti aborti spontanei

  • alterazioni della coagulazione

  • afte orali

  • alopecia

  • formicolio a livello delle mani e dei piedi

  • convulsioni ed attacchi epilettici

senza glutine e1571960725705 - Celiachia: cos'è, sintomi e cosa fare

Come si fa a scoprire se si è allergici al glutine?

Per prima cosa lasciar perdere i vari test fasulli in giro con onde elettromagnetiche, kit da acquistare etc.

Si esegue una ricerca sierologica e la biopsia della mucosa duodenale in corso di duodenoscopia in ospedale o nelle cliniche che effettuano questo esame.

Come si contrasta la celichia?

Non è sempre possibile. Nei primi 12 mesi non si deve assumere glutine, se la celiachia non è così grave si potrà riassumere in seguito a piccoli dosaggi.

Se invece la celiachia è grave in tal caso si devono eliminare i prodotti contenenti glutine per sempre.

ATTENZIONE: non fatevi trascinare da mode ed isterie del momento, la celiachia è una malattia seria e se si sospetta di averla occorre parlare con il medico e fare gli esami clinici. A seguito dei risultati il medico valuterà con voi il da farsi.

Sensibilità al glutine e celiachia

Alcune persone possono essere sensibili al glutine pur non essendo celiache e possono manifestare:

  • reflusso gastroesofageo

  • nausea

  • infezioni della bocca con afte

  • dolore localizzato sotto lo sterno

  • stanchezza

  • confusione mentale

  • dolore alle articolazioni e ai muscoli

  • mal di testa

  • eruzioni cutanee

Tutto ciò scompare eliminando il glutine dalla dieta.

5Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.