Il sogno di affittare una barca a vela

 Il sogno di affittare una barca a vela

Articolo aggiornato il

Le vele ondeggiano al vento, il sole del ponte in teak, il blu profondo del mare, la schiuma delle onde che dondolano la barca … e se non fosse un sogno? Noleggiare una barca con o senza skipper, nel Mediterraneo o nei Caraibi, è diventato facile.

Per quanto sorprendente possa sembrare, non c’è bisogno di alcuna licenza per noleggiare delle barche a vela! La maggior parte degli affittuari richiede un “curriculum vitae” perché ovviamente, far funzionare una macchina del genere nel porto o in acqua, non è cosa da improvvisare nel modo più assoluto!
A seconda quindi se siete principiante o esperto, avete tre scelte: o andate con uno dei vostri amici che ha i requisiti o affittare una barca a vela solo per voi con skipper (e perché no tutto l’equipaggio!) o affittare “la cabina” e quindi condividere la barca con altri appassionati.

In ogni caso, l’attenzione va allo spazio abitativo! Spostarsi, mangiare e dormire per diversi giorni in uno spazio ristretto come una barca a vela, richiede un senso di cordialità e rispetto per gli altri … pensateci un momento prima di scegliere la dimensione della barca e le persone che vi accompagneranno nel vostro cammino! Il sogno a volte può trasformarsi in un incubo! Per contro, non abbiate troppa paura del famoso “mal di mare”, la maggior parte dei principianti, dopo ventiquattro ore di navigazione, si abitua!

Salpiamo in mare in barca a vela

Una volta salpati, la sensazione di libertà letteralmente si invaderà ! Si può, infatti, decidere di ancorare ovunque si desidera, e alloggiare diverse notti in un posto sublime che hai trovato, o altrimenti “salpare” se il posto non è completamente di tuo gradimento. Solo il tempo e la direzione del vento imporranno la loro dura legge.

Anche in un viaggio “organizzato”, la flessibilità è spesso di rigore, è bene  calcolare i propri percorsi di navigazione per evitare di usare le vele per troppo tempo! L’ideale è alternare periodi di movimento sul mare, prendere il sole a bordo piscina e o snorkeling ed esplorare sulle isole di terra. Inoltre le vele vanno scelte con attenzione, ad esempio guardando al tessuto delle vele, o alle caratteristiche (occhielli e rivetti adatti e cose di questi tipo).

Fate attenzione alla fornitura di acqua e carburante (e sì, c’è un motore su una barca a vela, fortunatamente per le manovre in porto!), e il cibo. Anche in questo caso la regola dell’alternanza sembra l’ideale, tra il tipo di ancoraggio “Robinson” nei posti extra. Libri precisi, chiamati “guide” che spiegano come fare buoni ancoraggi in porti turistici, posti di ristorazione ecc saranno di grosso aiuto.

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.