Menu Chiudi

Visitare Firenze: curiosità e luoghi insoliti

Visitare Firenze

Curiosità su Firenze

Firenze è una delle città italiana particolarmente ricche artisticamente e culturalmente.
E’ riuscita a brillare in maniera eccelsa durante il periodo rinascimentale e lo dimostrano la sua architettura e il suo centro storico che rispecchiano esattamente l’epoca storica.

Firenze è il luogo che ti riesce a stupire sotto tutte le forme, essa è apprezzata da tutti, dai grandi ai piccini, ogni punto della città nasconde meraviglie artistiche e paesaggistiche ed arricchiscono la cultura e la storia di questa città.

VISITARE FIRENZE

Visitare Firenze significa avere l’occasione di immergersi nella storia che ha contraddistinto questa città importante ma anche di avere un quadro generale del paesaggio italiano, grazie ai molteplici aspetti antichi che, sempre presenti, si coordinano magnificamente con delle speciali sfumature moderne.

Quando si decide di recarsi a Firenze non si devono solo valutare le solite mete turistiche più conosciute, ma anche altri luoghi insoliti e particolarmente suggestivi, seppur poco noti.
Questo perchè è una città colma di tanti percorsi, tra i quali non se ne può identificare qualcuno meno bello o interessante, infatti anche i meno battuti sono ricchi di storia e fascino e meritevoli di stima da parte dei tanti visitatori che raggiungono e popolano Firenze soprattutto in riva all’Arno.

Tra i tanti luoghi insoliti si può visitare:

PALAZZO VECCHIO: MUSEO PER I RAGAZZI

Il Museo per i ragazzi si trova nel centro di Firenze e precisamente nel prestigioso Palazzo Vecchio che, allocato in Piazza della Signoria, nei tempi passati ha ospitato i governati della città come la famiglia dei Medici che ha rappresentato il potere fiorentino, fino al trasferimento a Palazzo Pitti.

All’interno del Palazzo Vecchio si trovano molte bellezze artistiche, alcuni dei suoi spazi vengono utilizzati per praticare un meraviglioso progetto museale adatto sia ai grandi che ai piccini.

É presente una stanza nella quale si raccontano avvenimenti storici creati e narrati in modo da poter essere capiti dai bambini dai tre ai sette anni.
Inoltre, vi è un laboratorio di pittura e uno spazio dedicato ai piccoli che, grazie queste visite, potranno apprendere il concetto di prospettiva eseguito nell’arte.

Quando si visita il Palazzo Vecchio si ha la possibilità di conoscere il periodo rinascimentale, non solo guardando le meraviglie qui presenti ma ascoltando le guide turistiche che, vestite con costumi caratteristici, raccontano gli avvenimenti storici di Firenze.
Palazzo Vecchio, senza alcun dubbio offre l’opportunità di ripercorrere tre periodi storici con molta facilità, tramite l’entusiasmante visita alla scoperta delle rovine romane, di una fortezza medievale e di ambienti rinascimentali magistralmente affrescati.

MUSEO CASA RODOLFO SIVERIO

Il Museo Casa Rodolfo Siverio, conosciuto come Casa Siverio è stata progettata dall’architetto Giuseppe Poggi in stile neo-rinascimentale, è situato nel quartiere di Oltrarno a Firenze, sul lungarno Serristori.

Si consiglia di visitarlo per le importanti opere d’arte che, nonostante siano state sottratte furtivamante nel periodo della seconda guerra mondiale, sono state recuperate dal ministro degli anni ’50, Rodolfo Siverio che le ha riportate in Italia.

Nel 1983 questo nobile uomo morì e donò la sua dimora con la sua biblioteca e l’intera collezione, da lui riconquistata, alla regione Toscana che, al piano terra della palazzina, aprì i locali come casa-museo.

Qui si trovano opere di diversi artisti, come Giorgio De Chirico, Giacomo Manzù, Ardengo Soffici e Pietro Annigoni, con i quali l’illustre Siverio, a suo tempo, aveva stretto rapporti di amicizia.
Inoltre, sono presenti dipinti a fondo d’oro, bronzetti, terrecotte, statue lignee policrome, mobilio e reliquiari antichi.

VILLA MEDICEA LA PETRAIA.

La Villa Medicea La Petraia, considerata come una delle più ricordate e straordinarie ville medicee, si trova nella zona panoramica e collinare di Castello, in via Petraia 40 a Firenze, tanto che riesce a dominare la stessa città.

Questa struttura, inizialmente posseduta dalla famiglia Brunelleschi ed in seguito da quella dei Medici, subì, nel tempo, svariate modifiche come quelle procurate dal Cardinale Ferdinando.

Infatti, questo una volta diventato Granduca, nel 1587 convertì in belvedere, la torre centrale del quattordicesimo secolo.
Oltre questa trasformazione vi fu anche quella ideata nel giardino che, allora, fu diviso in tre straordinarie terrazze. Nella prima furono collocati frutteti di piante nane, nella seconda aiuole per abbellire e nella terza alberi e agrumi.

Si consiglia di visitare Villa Medicea La Petraia per la sua bellezza naturale, vista la meravigliosa presenza di verde e la sua panoramicità che, sul davanti verso la città, racchiude giardini formali, divisi su tre livelli data l’irregolarità della collina, mentre sul retro, un grande parco all’inglese.

In più, si suggerisce di percorrerla perchè, grazie alla terrazza più alta, ideata al piano dell’immobile e formata da due ampi giardini, vale a dire ad est dal prato della figurina e ad ovest dal prato dei castagni o Piano di Ponente, si può perfettamente ammirare tutta Firenze.

(45)

Ti è stato utile questo articolo?

Clicca e vota!

Valutazione / 5. Voti:

2 Comments

  1. Pingback:Le città sull’acqua più amate - Rete News

  2. Pingback:Cosa vedere a Firenze - Rete News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.