fbpx

Capodanno a Ferrara: cosa fare l’ultimo dell’anno in città

Capodanno a Ferrara

Articolo aggiornato il 23 Dicembre 2019

Ferrara è un città viva e vivace durante tutto l’anno, ma durante il periodo natalizio il comune estense si mette il vestito buono, appunto quello della festa, e si propone come luogo magico dove trascorrere un felice e sereno Natale e un divertente Capodanno.

La provincia ferrarese, a detta non solo di coloro che la vivono e dei turisti che la visitano, ma anche dell’UNESCO, che nel 1995 l’ha inserita nella lista dei siti “patrimonio mondiale dell’umanità” in quanto città simbolo del Rinascimento, è un territorio in cui è decisamente piacevole vivere, è sempre possibile scoprire nuove bellezze di cui rimanere sorpresi e affascinati ed è una goduria sedersi a tavola – la gastronomia locale è stata determinante infatti, nel 1999, nell’assegnazione del secondo riconoscimento a Ferrara da parte dell’UNESCO.

D’altra parte, non è un caso che il mercato immobiliare residenziale locale – da sempre un importante fattore nella valutazione della qualità della vita di una città – sia attualmente uno dei più vivaci in Emilia Romagna. Nei primi 9 mesi del 2019, infatti, ha fatto registrare un aumento delle compravendite, rispetto al medesimo periodo 2018, di circa il 13%. Segno che molti cittadini hanno le possibilità economiche di cambiare abitazione, ma anche che sono in molti a cercare casa in vendita a Ferrara e, di conseguenza, a trasferirsi qui!

Come detto, dunque, Ferrara è decisamente una città in cui vale la pena passare il periodo natalizio.

In particolare per festeggiare Capodanno, giorno in cui le vie del centro si accedono di magia e di fascino.

Ferrara piazza trento trieste - Capodanno a Ferrara: cosa fare l'ultimo dell'anno in città
Capodanno a Ferrara

Capodanno estense.

A Ferrara, salutare il vecchio anno e fare l’occhiolino al nuovo che comincia è davvero un’esperienza unica nel suo genere. Il fulcro della “movida” ferrarese è equamente diviso tra due siti di rara bellezza e di grande interesse – assolutamente da visitare durante tutto l’anno –, ovvero Piazza Trento e Trieste e il Castello Estense. In questi due luoghi magici, infatti, durante tutto il periodo invernale si svolgono eventi, sagre e spettacoli di ogni genere. Capitandoci “per caso”, non si cade mai male: praticamente ogni giorno si può assistere, ad esempio, ad una rappresentazione o ad un concerto, spesso anche improvvisati, anche da artisti di strada.

Leggi anche
La piastrellatura delle pareti di casa: ecco i dettagli da prendere in considerazione

Il vero evento del Capodanno a Ferrara, però, è solo uno: l’incendio del Castello Estense. Evento unico nel suo genere, “l’incendio” è un pirotecnico spettacolo di luci, musica, colori, botti e fuochi d’artificio. Ferrara si trasforma in un vero e proprio teatro a cielo aperto e il protagonista unico della messa in scena, ovviamente il castello, viene illuminato a giorno dai professionisti della Parente Fireworks, pensato per salutare l’anno nuovo nel modo più spettacolare possibile.

Non serve ripeterlo, ma è uno spettacolo incredibile, assolutamente da non perdere e che consigliamo fortemente, a maggior ragione se siete in compagnia di bambini e giovani di ogni età.

Ferrara - Capodanno a Ferrara: cosa fare l'ultimo dell'anno in città
Capodanno a Ferrara

Nell’attesa dell’“incendio”.

L’incendio del Castello Estense è sicuramente l’evento da segnarsi sul calendario, su questo non ci piove. Nell’attesa, comunque, Ferrara offre ad abitanti e turisti molteplici svaghi – una necessità da queste parti, a testimoniarlo è il Palazzo Schifanoia, che i d’Este edificarono proprio per scacciare la noia tra ozi, giochi e passatempi, nei momenti di pace tra una guerra e l’altra.

Al Palazzo Municipale, dalle 18.00, è possibile lasciarsi viziare dalle incredibili prelibatezze ferraresi, perfetta sintesi tra la pluripremiata cucina emiliano romagnola e quella, altrettanto gustosa, veneta: prima all’“Apericena” e poi al “Gran Buffet a Palazzo”. Cibo e gastronomia locali sono protagonisti anche al Teatro Nuovo, con l’evento “Makkeroni a Capodanno, Makkeroni tutti l’Anno”, in collaborazione con Stileventi, dalle 20.30; al Ridotto Teatro Comunale in cui, dalle 19.00, inizia il “Gran Cenone a Teatro”; e allo stesso Castello Estense: anche qui, dalle 19.00, si potrà cenare “A Tavola con… gli Estensi” e al “Gran Cenone in Castello”.

Finita la cena, tutti in Piazza Castello dove, dalle 21.00, andrà in scena lo spettacolo musicale “Generali Baluardi Moonlight Night”, mentre dalle 24.00 avrà finalmente luogo il tanto aspettato evento de “L’ultima Luna”, ovvero l’incendio del Castello Estense. Per chi, inoltre, “la notte è ancora giovane”, dalle 00.30 alle 3.00, sempre in Piazza Castello, si potrà scatenare in compagnia dello “Scuola ZOO Dj Set”.

 
Ferrara pasticcio di maccheroncini - Capodanno a Ferrara: cosa fare l'ultimo dell'anno in città
Capodanno a Ferrara

Potrebbe interessarti anche: Capodanno Al Mare: Tenerife O Sharm El Sheikh?

Leggi anche
Mabon: origine e tradizione del solstizio autunnale

Cenone di Capodanno.

In questo stesso articolo, abbiamo più volte citato ed esaltato la gastronomia tradizionale di Ferrara. Questo perché, fin dal tempo della corte degli estensi, la cucina era considerata un’arte nobilissima, tra le più apprezzate dagli stessi d’Este. E dal 1999, come detto, questo è un dato di fatto, parola di UNESCO. Ma quali sono i piatti perfetti per un tipico menù tradizionale ferrarese di Capodanno?

Tra i primi piatti, domina la pasta fresca, in primo luogo declinata nei famosi cappellacci, ripieni di zucca – consigliatissimi – o di ricotta.

A contendergli il trono, troviamo i cappelletti, variante più minuta e decisamente più da “carnivori”: il ripieno, infatti, è a base di goletta di maiale. Ma siamo sicuri apprezzerete anche altri “tagli di pasta”, come i passatelli, le tagliatelle al sugo, le lasagne pasticciate e il pasticcio di maccheroncini – probabilmente il primo piatto più tipico in assoluto – che viene di norma condito con ragù, funghi o tartufo.

Ferrara cotechino e lenticchie - Capodanno a Ferrara: cosa fare l'ultimo dell'anno in città
Ferrara, cotechino e lenticchie

Per quanto riguarda i secondi, un must indiscusso è la salama da sugo: un budello ripieno di un saporitissimo sugo a base di carne di maiale – in genere un misto di salsiccia, fegato, lingua e cotiche – insaporito, se mai ce ne fosse bisogno, con abbondanti spezie e annaffiato con vino rosso. Un altro piatto storico a Ferrara, divenuto tradizione in Emilia Romagna e, probabilmente, nell’intera Penisola, è il cotechino con lenticchie, che deve i suoi natali alla provincia estense e saprà, con il suo gusto intenso, soddisfare il palato di ogni commensale.

Serve altro per convincervi a passare il Capodanno nella meravigliosa e magica Ferrara?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.