Menu Chiudi

Spazio: scoperto Kepler-78b, pianeta gemello della Terra

Kepler-78b, il pianeta gemello della terra
Un team internazionale di scienziati europei e americani hanno scoperto il primo pianeta extrasolare con una composizione simile alla Terra, il Kepler-78b.

 Kepler-78b, il pianeta gemello della terra

Gli astronomi hanno scoperto un pianeta lontano nel cosmo, che è simile per dimensioni e natura a quello della Terra. Tuttavia, il pianeta extrasolare Kepler-78b, è così vicino al sole e così caldo che non esiste alcuna forma di vita.

Con i dati combinati provenienti dallo spettrografo HARPS-N, dal Telescopio Nazionale Galileo (Italiano) installato nelle isole Canarie (La Palma), e il telescopio spaziale Kepler, della NASA, il team guidato da Francesco Pepe dell’Osservatorio Astronomico dell’Università Ginevra (Svizzera), ha stabilito che il pianeta ha un diametro di 1,16 volte e 1,86 volte la massa della Terra.

Pertanto, gli astronomi affermano che il pianeta Kepler 78b non è solo di dimensioni simili alla Terra, ma anche una struttura simile con un nucleo di ferro e un cuore di pietra. Kepler 78b quindi esiste, questo quanto riferito degli astrofisici in un articolo pubblicato sulla rivista “Nature”. La massa del pianeta Kepler-78b è stata misurata per determinare la sua densità e la sua consistenza. È quindi di poco più grande della terra e di quasi due volte più pesante.

Il pianeta Kepler-78b è finora il più piccolo pianeta fuori dal nostro sistema solare ad essere noto per la sua massa e diametro. La nuova scoperta è a diverse centinaia di anni luce di distanza. Gli scienziati vedono il successo come un importante passo avanti nella ricerca di un “gemello” della Terra.

Un’orbita che sembra impossibile

L’equipe ha studiato il Kepler-78, una stella che si trova a 400 anni luce dalla Terra. Quando è stato osservato dal telescopio spaziale Kepler, ha mostrato un segnale compatibile con il transito di un pianeta con 1.16 raggi terrestri, un orbita con un periodo di 8,5 ore e una distanza di soli 0,0089 unità astronomiche (circa 43,5 volte più vicino di quanto sia Mercurio al Sole), ed è stato considerato un’orbita impossibile.

Il pianeta Kepler-78b è una sfida per gli astronomi, perché non dovrebbe avere un orbita così vicino alla loro stella. Alla fine, questo pianeta sarà distrutto dalla forza di gravità, a causa della riduzione della dimensione della sua orbita

Secondo i modelli planetari esistenti, la loro disintegrazione si verificherà nei prossimi tre miliardi di anni. Visto il suo breve periodo orbitale, il Kepler-78b ha una temperatura di superficie tra i 1800 ° C e 3300 ° C, pur essendo simile alla Terra per dimensioni e massa.

Il HARPS-N (ricercatore di pianeti di velocità radiali ad alta risoluzione per l’emisfero nord) rileva le variazioni di velocità sotto i 4 km / h (la velocità di una persona che cammina). È stato costruito in modo che, insieme al satellite Keplero, per determinare le caratteristiche di pianeti extrasolari.

Il telescopio spaziale Kepler è stato lanciato il 5 marzo 2009 per osservare continuamente 100.000 stelle nella regione costellazione del Cigno. La scoperta del pianeta Kepler-78b è stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista britannica Nature.

(36)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.