Costruzioni di edifici e sicurezza antisismica nel settore edilizio

 Costruzioni di edifici e sicurezza antisismica nel settore edilizio

Articolo aggiornato il

Il tema delle costruzioni casa e delle ristrutturazioni di immobili è un tema ad oggi molto delicato, specie se viene considerato in virtù delle norme antisismiche a cui, in molte regioni d’Italia, bisogna fare necessariamente riferimento.

Quando si parla di costruzioni casa si deve infatti pensare non solo al budget di proprio riferimento, ma anche alle varie beghe burocratiche da affrontare, molte delle quali sono utili ed importanti per sentirsi a proprio agio e protetti da eventuali terremoti e calamità naturali.

Il rischio sisma, in Italia, è molto elevato. Pensiamo soprattutto alle ultime vicende che hanno riguardato terremoti importanti, come quello in Abruzzo o quello in Emilia Romagna, e ci rendiamo conto che, se non facciamo in concreto qualcosa per prevenire, il rischio è quello di vedere le nostre case completamente distrutte e rase al suolo, in caso di terremoti.

Certo è che se un tempo i criteri antisismici relativi alla costruzione di case erano meno comuni, ad oggi la situazione sta cambiando e sono sempre di più le regioni in cui si adottano specifici sistemi di prevenzione per evitare che i terremoti – sempre più diffusi e frequenti in Italia – possano danneggiare case, abitazioni, ma anche luoghi di pubblico dominio, come ospedali, Chiese e quant’altro.

Lei costruzioni che presentano il maggior rischio sismico sono accomunate da tutta una serie di caratteristiche, per quanto il rischio sismico dipenda da innumerevoli fattori e innumerevoli variabili abbastanza intricate. Ma in linea di massima si può delineare un profilo generale, come ad esempio le costruzioni non simmetriche, quindi non perfettamente rettangolari oppure costruzioni costituite per lo più da murature di tipo antico, e quindi con una bassa presenza di malta legante nei mattoni. In concomitanza questo fattore e degna di nota il fatto che sulle superfici rigide, come ad esempio le superfici rocciose, sono maggiormente sicuri tutti quegli edifici deformabili (il tipico esempio è il grattacielo), mentre sulle superfici più flessibili e deformabili risultano più sicure le costruzioni di tipo rigido, come ad esempio le costruzioni di piccole dimensioni oppure basse.

D’altro canto possiamo affermare che esistono edifici intrinsecamente più sicuri per quanto riguarda il rischio sismico, come ad esempio quelli costruiti in cemento armato.

Nel caso di abitazioni già costruite e quindi immobili vecchi, è importante verificare lo stato di salute dell’immobile proprio perché molti decenni fa le norme antisismiche venivano spesso violate, con abusivismo edilizio e quant’altro. Per sapere se una casa è a rischio terremoto, è importante verificare che l’immobile non sia costruito con murature antiche, asimmetriche ed irregolari, che sono sicuramente quelle maggiormente a rischio; inoltre, gli immobili edificati con un numero eccessivo e sproporzionato di finestre e di terrazzi, sono tra i più a rischio, mentre il rischio è minore nel caso di edifici costruiti in cemento armato e ferro.

Occorre pertanto ricordare che, nel caso in cui la nostra abitazione sia molto vecchia, è opportuno verificare, con il supporto di persone esperte e qualificate, lo stato di usura dell’abitazione e la sua regolarità o irregolarità con le correnti norme antisismiche.  Si rende necessario l’intervento di un tecnico soprattutto quando siamo in presenza di anomalie, quali possono essere delle crepe è nelle murature oppure delle cadute di muratura dei cornicioni e cose di questo tipo.

Ovviamente in questi casi bisogna ricorrere ai ripari tramite delle opportune ristrutturazioni edili. Esistono diverse tecniche per ristrutturare da un punto di vista sismico un edificio, come ad esempio tramite l’utilizzo di rinforzi di cemento armato oppure tramite la realizzazione di un isolamento alla base, che consiste nell’introdurre degli strati di gomma di acciaio per assorbire le vibrazioni tra la parte delle fondamenta e la parte elevata della struttura.

(62)

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.