Stati Uniti focolaio di influenza suina

 Stati Uniti focolaio di influenza suina

Articolo aggiornato il

Si sta diffondendo negli Stati Uniti un nuovo focolaio di influenza suina direttamente dai maiali.

Il CDC statunitense, il centro di controllo delle malattie e Prevenzione di Atlanta, ha annunciato di aver avuto oltre 150 nuove segnalazioni di infezioni da influenza suina (H3N2) il cui focolaio è iniziato da metà dello scorso luglio senza, fortunatamente, che si siano registrati decessi.

Ora ci sono però 6 nuovi casi di contagio rivelati nella giornata di ieri dall’Indiana State Department of Health e nell’Ohio che porterebbero il totale a 158 casi nazionali. Il Dipartimento di Salute dell’Ohio ha quindi avviato un piano di sensibilizzazione soprattuto per quanto riguarda le fiere cittadine, che nonostante questo non sono state annullate.

I più colpiti, secondo il CDC, sarebbero i ragazzi con meno di 18 anni, e con un’età media di 7. La malattia ha però colpito anche persone adulte, di conseguenza si è arrivati alla conclusione che tutti posso essere infettati dall’influenza suina. Ha inoltre affermato che occorre un maggiore monitoraggio per scoprire come questo virus si diffonda e la sua origine geografica.

Per ora tutte le persone che sono venute a contatto con i suini sono potenzialmente contagiati dal H3N2 e quindi monitorati costantemente.

Fonte Immagine: Flickr di Fiore S.Barbato

(38)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.