Menu Chiudi

Sindrome da pelle tostata: come riconoscerla

Sindrome da pelle tostata

Cosa è la Sindrome da pelle tostata

I sedili riscaldati delle automobili, durante la stagione invernale, rendono sicuramente più confortevole gli spostamenti in automobile, ma i dermatologi avvertono che l’esposizione prolungata al riscaldamento dei sedili può portare ad una malattia della pelle chiamata “sindrome pelle tostata“.

Sono state pubblicate due  relazioni sulla rivista Archives of Dermatology nella quale vengono descritti i sintomi di questa patologia che è caratterizzata da eruzioni cutanee sulle gambe che emergono nei casi in cui ci sia una prolungata esposizione delle gambe a contatto con il calore.

La Sindrome da pelle tostata, nota anche come EAI (Eritema Ab Igne) è causata dall’esposizione al calore della parte interessata anche se non può essere considerata una bruciatura. Ma non solo i sedile riscaldati provocano questa sindrome, anche stufette vicino alle gambe o laptop sulle ginocchia potrebbero provocare questo eritema.

E’ stato il caso di una donna di 67 anni la quale ha sviluppato nella parte posteriore delle gambe una sottile rete di linee rosse la cui posizione corrisponderebbe alla parte venuta a contatto con il sedile riscaldato della sua automobile. Questo è avvenuto in quanto, durante tutto l’inverno, la donna ha fatto dei viaggi prolungati con la sua auto con il sedile riscaldato. Analogo è stato anche il caso di una donna quarant’enne che viaggiva in macchina con modalità simili a quelle della paziente precedente.

La cura per la Sindrome della pelle tostata

Jennifer Stein, professore di dermatologia alla New York University Langone Medical Center, ha affermato che per trattare questa sindrome basterà semplicemente evitare il contatto con la fonte di calore anche se la Sindrome pelle tostata potrebbe impiegare diverso tempo prima di scomparire completamente.

pinit fg en rect red 28 - Sindrome da pelle tostata: come riconoscerla

Ti è stato utile questo articolo?

Clicca e vota!

Valutazione / 5. Voti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.