Il linguaggio del corpo: verbale e non verbale

A chi non è capitato di essere frainteso, incompreso, di avere difficoltà a entrare in relazione con l’altro, di avere qualche problema nel capire nel farsi capire.

Basta poco. Un silenzio, un’esitazione uno sguardo, un rossore improvviso un sorriso abbozzato. Sembrano dettagli ma al momento buono fanno la differenza. Perché lo sappiamo bene perché oltre alle parole c’è di più.

A volte basta un’occhiata per capire che la persona che abbiamo davanti ci piace o non ci piace, ci fa simpatia o antipatia, ci incuriosisce, ci lascia del tutto indifferenti. È un istinto. In questo somigliamo un po’ agli animali.

Questo rappresenta il linguaggio del corpo.

C’è chi si concentra su un dettaglio mentre c’è chi invece guarda e osserva i gesti: la stretta di mano classica; c’è chi invece lavora con uno sguardo di insieme. Tre modi di relazionarsi, di farsi un’idea dell’altro, di cogliere il linguaggio del corpo che ci racconta anche qualcosa di noi.

linguaggio del corpo

linguaggio del corpoSappiamo che il corpo non mente e le persone che sono più attente al dettaglio di un recettore che sono il naso, le orecchie, e la bocca sono persone che sono tendenzialmente più analitiche e guardano in particolare. Mentre c’è la persona che invece guarda la visione di insieme, nella sua grandezza generale e quindi relativizza alcuni aspetti e alcuni particolari. Questa è una dote che un po’ tutti abbiamo.

Quello che è molto interessante vedere è come alcune parti del corpo, per esempio la fronte; una fronte piccola viene vista solitamente in modo molto positivo perché viene considerata una fronte da specialista che si focalizza molto bene sul particolare, mentre una fronte molto spaziosa è portata a vedere le situazioni di lungimiranza negli aspetti più generali.

Impara a gestire il linguaggio del corpo

Interessante video di Chiara Alzati che tratta La comunicazione non verbale nel public speaking:

Ultima News

Stephen King per ragazzi: l’adolescenza secondo il re

Io dire che è una lettura appropriata. Il re dell’horror tratta in tanti libri il…

Io mi chiamo Yorsh, un libro di Silvana De Mari

Yorsh è una parola elfica che significa "colui che maggiormente ha una dote", noi diremmo…

Tipi di pane italiani per regione

Abbiamo parlato delle tipologie di pane nel mondo ed oggi parliamo di pane in Italia.…

Pane proverbi, modi di dire e sogni

La saggezza popolare è ricca di proverbi e modi di dire sul pane ed ognuno…

Stephen King: tutto quello che volevate sapere sul re dell’horror

Stephen King è una leggenda vivente, non è solo il re dell’horror ma anche il…

Tripofobia: guida alla paura dei buchi

Chi ha mai sentito parlare di tripofobia? Io non la conoscevo, ammetto la mia ignoranza.…

Questo sito utilizza i cookies.