Cowash: come si fa a lavare i capelli senza shampoo (video)

E’ possibile lavare i capelli senza shampoo?

Sì con il metodo cowash.

La chioma prima o poi risente di smog, stress, lavaggi, inquinamento e trattamenti vari.
La soluzione? Penseremo che sarebbe intensificare i lavaggi ma in realtà è uno sbaglio perché si stressano ancora di più i capelli.
Perchè non provare invece il cowash?

Cowash funziona e che cos’è?

Il termine significa “conditioner only wash” ovvero “lavaggio solo con il balsamo”.
Ricetta di base molto semplice: zucchero e balsamo. Si massaggia sui capelli umidi e funge come una sorta di scub che rimuove lo sporco e dona brillantezza e leggerezza alla chioma.
Inizialmente si può usare alternandolo allo shampoo, in modo che la chioma si abitui al trattamento.

Cowash: come farlo

Cowash hair shampoo

Si prende mezzo bicchiere di zucchero (bianco o di canna è indifferente) e si mescola a mezzo bicchiere di balsamo.
Perchè lo zucchero? Perchè dicevamo funge da scub.
Perchè il balsamo? Perchè deterge in modo delicato.
Si possono aggiungere altri ingredienti al cowash fai da te? Sì, miele per nutrirli e renderli vellutati o bicarbonato di sodio per pulirli meglio.
Applicare i due ingredienti ben mescolati sui capelli umidi e massaggiare. Sciacquare per bene.

Balsamo per il cowash

Se la tipologia di zucchero è indifferente non è la stessa cosa per il balsamo.
Scegliete un balsamo senza siliconi, seccano troppo i capelli, senza petrolati, formano un film sopra il capello che con il tempo lo inaridisce.

Qual è l’inci di un buon balsamo?

L’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) è una denominazione internazionale utilizzata per indicare in etichetta i diversi ingredienti presenti all’interno di un prodotto cosmetico. Dal 1997 è obbligatorio che ogni cosmetico immesso sul mercato riporti sulla confezione l’elenco degli ingredienti in esso contenuti usando la denominazione INCI. Wikipedia

Non deve avere:

  • Sodio Lauryl Solfate o SLS ed il Sodium Laureth Solfate o SLES che sono due tensioattivi molto aggressivi
  • dimethicone, amodimethicone, cyclomethicone (siliconi)
  • paraffinum liquidum, petrolatum, mineral oil, vaselina, paraffina (parabeni)
  • methylchloroisothiazolinone, diazolidinyl urea e methyllisothiazolinone (conservanti)
  • cocamide Mea, Tea, Dea
  • Ammonium Lauryl Sulfate
  • PEG Polietilenglicole e PPG: emulsionanti etossilati

Attenzione all’ordine degli ingredienti: sono messi in ordine decrescente per quantità.

Cowash capelli balsamo

Pro e contro del cowash

Pro:

  • capelli molto più morbidi
  • chioma più leggera e lucente
  • detersione veloce

Contro:

  • non sostituisce completamente lo shampoo
  • se non si sceglie il balsamo giusto non si ottengono benefici

Cowash per capelli grassi

Se la chioma è tendenzialmente grassa basterà aggiungere del bicarbonato di sodio o volendo anche dell’aceto di mele nella fase del risciacquo. Volendo si può aggiungere del tea tree oil al composto di zucchero e balsamo. Consiglio una maschera all’argilla verde, diluita con infuso di rosmarino, prima del lavaggio.

Cowash per capelli secchi

In questo caso aggiungiamo il miele o se volete del succo di aloe. Suggerisco una maschera con del burro di karitè o dell’olio evo prima di eseguire questo lavaggio.

Cowash per capelli mossi corti

In questo caso optate per un balsamo denso, molto idratante, con ingredienti naturali. Bene un’addizione di olio di cocco alla miscela di zucchero e balsamo. Bene anche una maschera allo yogurt prima del trattamento. Il cowash è perfetto per i capelli ricci.

Cowash per capelli con forfora

E’ consigliabile unire al cowash del tea tree oil o dell’olio essenziale di limone o menta. Bene anche l’aggiunta di bicarbonato di sodio.

Cowash per capelli fragili

Aggiungere allo zucchero ed al balsamo dell’olio di semi di lino oppure olio di ricino, sciacquare con aceto di mele.

Cowash senza zucchero e cowash senza balsamo

Se zucchero e balsamo non vi sembrano idonei potete provare con:

  • gel d’aloe + miele + bicarbonato di sodio
  • gel d’aloe + argilla del marocco

Tutto sul Cowash, passo dopo passo Guarda il video

Sommario
Titolo articolo
Cowash: come si fa a lavare i capelli senza shampoo (video)
Descrizione
E’ possibile lavare i capelli senza shampoo? Sì con il metodo cowash. La chioma prima o poi risente di smog, stress, lavaggi, inquinamento e trattamenti vari. La soluzione? Penseremo che sarebbe intensificare i lavaggi ma in realtà è uno sbaglio perché si stressano ancora di più i capelli. Perchè non provare invece il cowash? Cowash funziona e che cos’è? Il termine significa “conditioner only wash” ovvero “lavaggio solo con il balsamo”. Ricetta di base molto semplice: zucchero e balsamo. Si massaggia sui capelli umidi e funge come una sorta di scub che rimuove lo sporco e dona brillantezza e leggerezza alla chioma. Inizialmente si può usare alternandolo allo shampoo, in modo che la chioma si abitui al trattamento.
Autore
Nome Publisher
ReteNews
Logo Publisher

Ultima News

Stephen King per ragazzi: l’adolescenza secondo il re

Io dire che è una lettura appropriata. Il re dell’horror tratta in tanti libri il…

Io mi chiamo Yorsh, un libro di Silvana De Mari

Yorsh è una parola elfica che significa "colui che maggiormente ha una dote", noi diremmo…

Tipi di pane italiani per regione

Abbiamo parlato delle tipologie di pane nel mondo ed oggi parliamo di pane in Italia.…

Pane proverbi, modi di dire e sogni

La saggezza popolare è ricca di proverbi e modi di dire sul pane ed ognuno…

Stephen King: tutto quello che volevate sapere sul re dell’horror

Stephen King è una leggenda vivente, non è solo il re dell’horror ma anche il…

Tripofobia: guida alla paura dei buchi

Chi ha mai sentito parlare di tripofobia? Io non la conoscevo, ammetto la mia ignoranza.…

Questo sito utilizza i cookies.