Cannabis: fumarla può danneggiare il cervello. Nuovo studio

Cannabis danneggia il cervello

1Shares

Fumare Cannabis può danneggiare il cervello.

Lo afferma un nuovo studio della Northwestern University affermando che , anche un consumo minimo influisce negativamente su alce regioni cerebrali.

I giorni in cui la gente pensava che solo i veterani e i forti fumatori di marijuana (Cannabis) potrebbero aver subito conseguenze cognitive sono terminati. Un nuovo studio della Northwestern University afferma che, anche gli utenti occasionali di cannabis, potrebbe generare cambiamenti significativi nel cervello .

Secondo uno studio pubblicato da The Journal of Neuroscience, anche i fumatori di marijuana casuali hanno mostrato anomalie significative vitali in due importanti regioni del cervello quella della motivazione e dell’emozione. Di conseguenza, questa ricerca rappresenta una forte sfida all’idea che l’uso di marijuana anche in maniera occasionale non sia associato a conseguenze negative.

Hans Breiter, Northwestern University, citato da Science Newsline, è stato il primo ricercatore ad analizzare gli effetti ridotti di consumo di marijuana. La gente pensa che un uso occasionale non dovrebbe causare un problema se comunque si conduce una vita perfettamente normale, tuttavia, sottolinea che i dati affermano non essere questo il caso.

Lo studio ha analizzato 20 fumatori di marijuana e di 20 non fumatori tra i 18 ei 25 anni. Gli scienziati sono stati invitati a stimare la quantità di cannabis fumata e quanto spesso veniva consumata durante un periodo di prova di tre mesi. Il risultato è stato che tutti, anche coloro che fumavano una volta alla settimana, hanno mostrato anomalie cerebrali, mentre i più grandi cambiamenti sono stati osservati in chi fumava più.

marijuana e1575846189838 - Cannabis: fumarla può danneggiare il cervello. Nuovo studio

La marijuana è di gran lunga la droga più utilizzata in molti paesi del mondo. Solo negli Stati Uniti, quasi 19 milioni di persone hanno confessato l’uso recente secondo l’indagine nazionale sul consumo di droga (NSDUH). Inoltre, gli atteggiamenti culturali verso le droghe stanno cambiando rapidamente, cosa che sarebbe stata impensabile fino ad una generazione fa. Allo stesso modo, la depenalizzazione e legalizzazione della Cannabis è avvenuta contemporaneamente in diversi stati negli ultimi anni, e ci sono diverse industrie emergenti attorno alla pianta che sono sorti in Colorado e Washington, ora che la droga è stata legalizzata.

Leggi anche
Cannabis: questa sostanza è da considerarsi sempre illegale?

Lo studio, inoltre, non ha analizzato il comportamento dei fumatori di marijuana, ma solo i loro cervelli. Tuttavia, tenendo conto dei loro risultati, ha portato ad alcuni quesiti.  Infatti, durante questo studio non sono stati analizzati i cervelli prima dell’assunzione della cannabis, ma solo durante l’esperimento scientifico. Di conseguenza non vi è la certezza che le cause possano essere ricondotte al consumo di cannabis oppure a problemi preesistenti nel cervello della persona che ha subito il test.

Come ammesso dagli stessi ricercatori che hanno condotto questo studio, serviranno ulteriori ricerche approfondite per comprenderne in maniera più precisa gli effetti.

1Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.