Capelli mossi corti: ispirazioni e prodotti

Capelli mossi corti

Articolo aggiornato il

Riprendiamo l’argomento “capelli mossi corti” che avevamo trattato precedentemente “Come fare i capelli mossi corti, e i prodotti da usare

Avevamo principalmente parlato di come si fa ad ottenere uno splendido caschetto mosso.
Il metodo più comune ve lo ricordate? La treccia.

E quello più strano? Il calzino.
Oggi approfondiamo l’argomento.

Ispirarsi alle dive per avere capelli mossi e corti

Ok, diciamo che ti sei fatta un’idea della lunghezza (il top è il taglio corto sappilo) e ora?
Ci sono tantissime dive a cui puoi ispirarti per il tuo hairstyle: Milla Jovovich ad esempio porta un taglio medio mosso, basta increspare le punte ed usare un gel styling per avere un taglio mosso sbarazzino.
E poi ci sono le onde di Jaimie Alexander, per averle bastano dei semplici bigodini.

Milla Jovovich capelli mossi corti scaled e1576520004603 - Capelli mossi corti: ispirazioni e prodotti
Milla Jovovich Capelli mossi corti

Che dire dello stile di Pink?

Ciocche con onde davanti e i lati rasati con boccoli centrali, un taglio in perfetto stile punk chic. Se non ti va di rasarti puoi fare un taglio scalato sulla nuca che fa molto punk ugualmente.
Se si hanno i capelli ricci si può provare il taglio di capelli mossi di Halsey, indispensabile l’effetto bagnato.
La tendenza del 2020? Taglio corto, riccio e con frangetta.

Capelli mossi corti 2 - Capelli mossi corti: ispirazioni e prodotti
Capelli mossi corti

Come curare un taglio corto e taglio medio?

Il taglio corto offre diverse possibilità: il piombato, il carrè, il bob con o senza frangia.
Il taglio medio richiede un attimino in più di pazienza ma ci si avvale di più strumenti: bigodini, forcine, fascia etc.
Nel taglio medio mosso occorre non far partire le onde troppo in alto ed i capelli vanno sempre mantenuti idratati e nutriti.

Leggi anche  Capelli mossi corti: come colorarli naturalmente senza stressarli

Capelli mossi corti 3 - Capelli mossi corti: ispirazioni e prodotti

Come avere delle beach waves perfette

Vediamo un po’ qualche segreto: le onde devono essere morbide e libere di muoversi non incollate.

Cosa dobbiamo usare per delle beach waves perfette ?

Il diffusore.

Le beach waves sono stilosissime, danno volume e hanno un effetto incredibilmente naturale. Si possono anche fare con la piastra ma occhio che il calore stressa troppo il capello (se avete capelli deboli o sfibrati evitate).
Nel caso di capelli fragili è preferibile fare le beach waves con una mousse o uno spray, volendo se non li avete potete usare un poco di olio di cocco per modellare le onde.
E poi c’è lo chignon, basta farne uno prima di andare a letto ed l risveglio basterà scioglierlo. Stessa cosa per le trecce.

Possibile fare le beach waves anche con la piastra, guarda il tutorial di Claudia Pellicciaro

Beach waves capelli mossi con la piastra – hair tutorial

La manutenzione dei capelli mossi corti

Parliamo proprio di manutenzione esatto perchè se non si hanno i ricci per natura i capelli tendono ad appiattirsi o se li si hanno ricci possono tendere al crespo.

Cosa significa? Scegliere i prodotti giusti in sostanza per avere il miglior effetto e per proteggerli da un calore eccessivo.
Esistono spray senza risciacquo che donano vigore, generalmente sono a base di alghe e si usano dopo lo shampoo. Ci si asciuga con il diffusore.
Per avere lucentezza usiamo un gel finish che sia leggero e che regali non solo luminosità ma anche setosità. Ottima idea contro i capelli crespi perché in grado di domarli.
La lacca è il miglior alleato, da sempre, contro i capelli che si appiattiscono.

Come vanno asciugati i capelli mossi?

E’ bene usare il diffusore con aria non eccessivamente calda, i capelli non devono grondare acqua quindi tamponarli prima, diversamente il calore li rovina. Usare un ugello regolare che concentra l’aria calda su una piccola sezione alla volta per l’inizio e poi usare il diffusore per asciugare i riccioli uniformemente. Poi occorre applicare un prodotto che protegga dal calore, per evitare di seccare troppo le ciocche.
L’effetto naturale migliore, forse lo sapete già, si ottiene asciugando i capelli a testa in giù. Ricordiamo che non si devono tamponare i capelli con troppa energia.
Importante la distanza: sempre almeno venti centimetri per non bruciare i capelli.
Il capello crespo tende ad assorbire tutta l’umidità presente nell’area perciò occhio alla mousse che deve essere volumizzante.

Leggi anche  L'indigo o hennè: tintura naturale per i capelli, scurire i capelli in modo naturale
asciugare capelli mossi scaled - Capelli mossi corti: ispirazioni e prodotti
asciugare capelli mossi corti

Che shampoo scegliamo?

Quello ideale è senza solfati perché troppo aggressivi. Allo shampoo andrebbe addizionato un prodotto idratante, un conditioner da alternare a maschera od olio per capelli in modo da contrastare l’effetto crespo, se sono molto grassi scegliere un prodotto non eccessivamente oleoso. Bene uno shampoo ricco di glicerina che nutre il capello in profondità.

Attenzione ai prodotti per lo styling: da evitare quelli che contengono alcool che indurisce la chioma, meglio gel e mousse, solubili in acqua, per dare volume e disciplina ai capelli.
Per pettinarsi è consigliabile usare una spazzola con setole naturali o un pettine a denti larghi.
Altro trucco contro l’effetto crespo: le federe in seta (che fra l’altro riducono anche i capelli spezzati o che cadono).

Attenzione alle doppie punte! Via libera alla maschera con olio di cocco.
Ricordiamoci che un capello sano ed idratato mantiene meglio luminosità e vigore senza dover ricorrere a tanti prodotti.

Il calore del phon ha rovinato i capelli? No problem, spruzza dell’olio di cocco e districa i capelli con le dita, la prossima volta applica uno spray termoprotettore prima di asciugarli.

Aiuto: quando vado in palestra i ricci impazziscono! Nessun problema: applica un balsamo idratante prima di andare in palestra, se sono di media lunghezza raccoglili in una coda di cavallo.

Prima della palestra, applica del balsamo idratante sulla chioma e realizza poi una pettinatura capelli ricci comoda e semplice, come una coda di cavallo. Sudando e generando calore, il balsamo ti aiuterà a mantenere l’umidità della fibra capillare: dopo la doccia, i tuoi ricci saranno morbidi ed elastici.

Pioggia e umidità sono le tue nemiche? Asciuga i riccioli con una T-shirt di cotone perché l’asciugamano toglie troppa acqua troppo bruscamente.
E la tinta? Bene la degradazione con colori più scuri alla radice che vanno schiarendo fino alle punte. Attenzione alle decolorazioni: troppo aggressive per i nostri amati riccioli!

Come scegliere i tagli mossi corti

Ecco il punto cruciale: ma quel taglio corto mosso mi starà bene?
Ecco le nostre dritte: hai tratti marcati e spigolosi? I tagli corti ricci sono perfetti per addolcirli.
Se al contrario hai un viso ovale opta per acconciature vaporose e voluminose.

Leggi anche  L'indigo o hennè: tintura naturale per i capelli, scurire i capelli in modo naturale

Per un viso a triangolo è ottimale un bob mosso con alcune punte irregolari, che danno armonia al viso.

Il viso è lungo o quadrato? Il caschetto è il top no a haicut sparati verso l’alto.
Hai il viso regolare? Si consiglia un ciuffo mosso che dia risalto al viso e alla tua acconciatura.

Se invece hai un viso a forma di cuore, va benissimo un taglio che riempia gli zigomi, come un long bob, più o meno sfilato o il pixie cut.
Viso tondo? Caschetto da evitare.

Chi ha un fisico mascolino non opti per acconciature troppo voluminose, e al contrario chi ha spalle e testa piccola e fianchi ampi cerchi il volume.
Se le donne minute stanno sempre bene con il pixie, quelle alte un po’ meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.