p i z z e

15 Curiosità sulla pizza che non conoscevi

2Shares

La pizza è uno dei prodotti italiani più conosciuti al mondo, in questo articolo tante curiosità su di lei

La cucina tradizionale italiana è ricca di piatti e pietanze prelibate che ci invidiano in tutto il mondo, tra queste sicuramente c’è la pizza che seppur in ogni parte del mondo tentano di replicarla non è mai buona come quella che possiamo assaporare ad ogni angolo in Italia. La pizza è una di quelle pietanze italiane che rappresenta davvero un pezzo di cultura nostrana e sul nostro territorio ne possiamo trovare diverse varianti una più buona dell’altra. In questo articolo però andiamo a scoprire alcune curiosità che la riguardano.

La Pizza Antica

La prima tipologia di pizza che viene creata al mondo è la Pizza Antica e al contrario di quanto si pensi non è nata a Napoli ma a Tramonti un comune della costiera amalfitana. Fu creata nell’antico Medioevo e ancora oggi è possibile gustarla non solo nella sua città di origine ma anche al Nord Italia.

La Pizza Napoletana è la pizza più conosciuta al mondo

pizza napoletana

Leggi anche
Alla scoperta del Pane del Sud Italia

Sebbene sul nostro territorio troviamo tante varianti di pizza differenti il prodotto principale che le rappresenta tutte è sicuramente la pizza napoletana. Questa variante di pizza è la più conosciuta al mondo e viene realizzata con una pasta molto morbida, un bordo molto alto e morbido. L’impasto della pizza napoletana viene realizzato con farina, acqua, sale e lievito, viene poi lavorato a mano e infornato per pochi minuti.

La pizza è patrimonio dell’UNESCO

La pizza in particolare la pizza napoletana il 09 dicembre 2017 è stata decretata patrimonio immateriale dell’UNESCO. Ciò vuol dire che viene considerata un patrimonio culturale da salvaguardare tutto italiano.

La Pizza Margherita perché si chiama così?

La Pizza Margherita fu creata nel 1796 dal cuoco Raffaele Esposito. Questa pizza venne chiamata Pizza Margherita perché venne realizzata in onore della Regina d’Italia Margherita di Savoia. L’originale pizza margherita era condita solamente con pomodori, basilico e mozzarella.

La Pizza Rossa nasce nel 700

Fino al 700 la pizza veniva gustata soltanto nella versione bianca, bisogna infatti aspettare fino agli anni del 700 per veder nascere la prima pizza rossa. Questo perché prima di quegli anni il pomodoro ancora non era entrato a far parte della cucina italiana. Subito dopo la sua nascita la pizza rossa diventa la variante maggiormente richiesta dagli amanti della pizza, invadendo ogni città.

Il maggior consumatore al mondo di pizza non è l’Italia

I numeri non mentono e sebbene gli italiani adorano e amano la pizza in ogni versione, il numero di persone che vivono sul nostro territorio non ci permette di raggiungere il primo posto ma solamente il secondo. Ad accaparrarsi il premio di maggior consumatore della pizza sono gli Stati Uniti, dove ovviamente la popolazione è maggiore.

Il primo reperto storico legato alla pizza è del 997

Il primo reperto storico ritrovato e legato alla pizza, ossia il primo documento ufficiale in cui la pizza viene menzionata con l’esatto termine è del 997 ed è stato rinvenuto a Gaeta una città del Lazio.

La prima pizza napoletana fu creata nel 500

La prima pizza napoletana fu realizzata nel 500, ed era una tipologia di pizza chiamata mastunicola, molto morbida e preparata con strutto, foglie di basilico, formaggio e pepe. Successivamente si diffuse la pizza cecinielli, che si distingueva dalla precedente per l’aggiunta di piccoli pesci di scarto che erano spesso a disposizione dei pescatori.

Perché si chiama Pizza Marinara?

La prima pizza rossa abbiamo detto che fu realizzata nel 700, prese il nome di Pizza Marinara ed era precisamente realizzata con pomodoro, origano, olio e agio. Questa particolare pizza era chiamata Marinara perché era il pasto principale dei marinai.

La Pizza Romana

Pizza Romana

Oltre alla Pizza di Tramonti (qui la  storia in un interessante articolo di Repubblica ) e la Pizza Napoletana esiste un’ulteriore variante che è la Pizza Romana. Quest’ultima è anche conosciuta come Pizza Romana Scrocchiarella è infatti realizzata con una pasta molto sottile e croccante, il bordo è praticamente inesistente e basso ed è molto friabile. L’impasto viene realizzato con farina di grano tenero, lievito, acqua, sale e olio di oliva, viene lasciato riposare e poi lavorato e steso con il mattarello. Una volta stesa la pizza viene infornata e lasciata cuocere per qualche minuto.

L’arte sulla pizza

Già realizzare la pizza viene vista un’arte, se a questo poi ci aggiungi un ritratto allora ti ritrovi un vero e proprio capolavoro davanti agli occhi. Tanti pizzaioli esperti hanno deciso di giocare con gli ingredienti della pizza, in particolare mozzarella e pomodoro, per realizzare dei veri e propri ritratti su di essa. La pizza diventa così un’opera d’arte.

La stampante di pizza

Sapevi che esiste una stampante di pizza 3D? A crearla è stata una società texana chiamata BeeHex che ha creato questa stampante 3D per creare piatti per gli astronauti che affronteranno la missione verso Marte.

Il successo della pizza nasce in America

pizza margherita
p i z z e

La pizza in Italia era considerata il cibo per i poveri, il suo successo perciò non arriva nel nostro Paese ma arriva in America quando alcuni emigrati italiani cominciarono a realizzare questo piatto e a farlo conoscere. Qui divenne famosissima in poco tempo e divenne il piatto preferito di tutti, ed è così che la pizza diviene un prodotto culinario della tradizione italiana famoso in tutto il mondo. La prima pizza ad aver successo in America fu la Mystic Pizza.

La prima pizzeria nel 1738

La prima pizzeria italiana nasce nel 1738 a Port’Alba a Napoli, da prima si trattò di una vendita ambulante per poi diventare una vera e propria pizzeria nel 1830.

La dieta a base di pizza

Esiste nel mondo una dieta a base di pizza che permette di dimagrire. Si tratta di una dieta che prevede un regime ipocalorico da 1200 kcal che è da seguire per una settimana e permette di consumare pizza a cena o a pranzo in base alle proprie preferenze. È importante però che sia la pizza giusta sono infatti consigliate solo p i z z e alle verdure grigliate e pizza al pomodoro.

Come puoi vedere la pizza ha molto da offrire sotto ogni aspetto, e le tante curiosità che la circondano ci permettono di apprezzarla ancora di più.

Fonte Immagini: Depositphotos

2Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.