verapelle25k 2 Recensione dell'ultimo capolavoro di Fabio Musati: Vera Pelle

Recensione dell’ultimo capolavoro di Fabio Musati: Vera Pelle

0Shares

La trama

Il quindici ottobre 2048 qualcuno aggredisce Colabrodo cercando di prelevargli lo scalpo. Da anni ormai i tatuaggi sono stati banditi in una Città dove vige la regola dell’anonimato virtuoso, ma ancora qualche nostalgico sentimentale resiste e combatte. Come Vera Pelle e Colabrodo, per esempio, irriducibili che vivono in un salotto espositivo dell’Ex-Ikea di Carugate e per questo appartengono allo sparuto gruppo di emarginati denominati Ikei. Crisi energetiche e alimentari hanno portato al collasso gli assetti economici, politici e sociali dell’Occidente. Istanze indipendentiste hanno fatto crollare le strutture degli Stati.

Milano è diventata una Città chiusa; una cintura magnetica la protegge da un Fuori contaminato, ed è governata da un Vescovo che tutto sa e tutto conosce attraverso il controllo capillare degli Anonimi, esseri dal sesso indefinito, divisa bianca, auricolare all’orecchio, occhiali neri e testa completamente rasata. Del resto la regola del “Buon Governo” insegna che di “segni particolari”, i bravi cittadini del futuro, gli ex-tatuati ravveduti, non ne devono avere nessuno. Mentre Vera Pelle è un ricamo vivente e insieme a Colabrodo, (che proprio in mezzo alla chierica sulla sua testa ha ancora tatuata la bocca irriverente e linguacciuta dell’ellepi dei Rolling Stones Sticky Fingers), Yuri, Trementina, QuickEgg e PicaChe , dovrà affrontare un misterioso assassino che è sulle sue tracce e che la vuole spellare viva. Perché qualcuno ha aperto la caccia agli ultimi tatuaggi rimasti, e non esiterà a uccidere chi ancora ne nasconde qualcuno tra le pieghe del proprio corpo per aggiungerlo alla propria raccapricciante collezione.

Leggi anche
L'ombra dello scorpione (The Stand) di Stephen King

libri da leggere

La recensione

Questo il nuovo romanzo a metà tra il fantasy e il pulp di Fabio Musati, scrittore dalla penna decisa e volitiva, trasporta il lettore in una realtà delirante, ma allo stesso tempo onirica e irriverente. Attraverso un linguaggio forte e il più delle volte crudo ma incalzante e dal ritmo sincopato fin dalle prime battute, Vera Pelle ripropone alcuni personaggi e temi del precedente romanzo di Musati, Tramonto Falk, catapultati quarant’anni più tardi. Un libro non facile ma al contempo originalissimo, sia per lo stile utilizzato che per l’ambientazione e le tematiche espresse.

Leggi anche
Christine di Stephen King Recensione del Libro del Re dell'horror

Un romanzo che a volte rimanda ai temi di George Orwell nel suo 1984 ma allo stesso tempo contiene una sottile venatura elegiaca e onirica tipica di molti romanzi di Stefano Benni. Musati sa scrivere e dominare la scrittura in maniera piena e robusta, e la tensione di cui tutta la narrazione di questa sua ultima prova è carica, terrà il lettore attaccato alla storia fino alla fine. Un romanzo adatto a chi ama il fantasy non convenzionale, dalle scene forti e senza risparmio di crudezza, ma che sappia apprezzarne anche la malinconia e l’ironia nascoste e soprattutto l’originalità stilistica e narrativa.

Autore: Fabio Musati,
Titolo: Vera Pelle,
Dati: pagg 186, brossura

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.