“Fuori dall’inferno”: recensione di un libro di vita vissuta

 “Fuori dall’inferno”: recensione di un libro di vita vissuta

Articolo aggiornato il

Fuori dall’Inferno, un libro intenso scritto da una donna, Milena Botta, che racconta la grande sofferenza provata a causa dell’abbandono del marito. Marito che, dopo una vita dedicata completamente a lui, la ripaga con parole vuote e prive di sentimento ammetendo non non amarla più. E perchè mai? Naturalmente l’arrivo di una giovane donna straniera che gli fa perdere il lume della ragione. E così inizia l’inferno. Giorni neri come la notte avvolgono la sua vita e sembra che non riesca a ritrovare uno spiraglio di luce per riemergere.

“Come vorrei che tornasse da me. Non riesco a smettere di amarlo, nonostante le bugie, i tradimenti, i casini immensi che ha combinato, lo amo, lo amo, lo amo”.

Ma un giorno cambia qualcosa, scatta una sorta di autoconservazione che la fa uscire  da quell’inferno di disperazione e attesa. Siamo solo noi stessi in grado di tirarci fuori dalle situazioni più difficili. Così facendo la protagonista riesce ad affossare sempre di più il ricordo di Fulvio e a diventare una donna ancora più forte.

“E oggi mi sono resa conto che ti ho perdonato non solo di quell’amore che tu hai sempre detto che era stato solamente platonico, ma anche di quelli successivi, tradimenti completi, delle bugie, dei tuoi comportamenti scorretti verso di me. E mi sono resa conto che ho perdonato anche i miei errori”.

Un libro ricco di forti emozioni che illustra in maniera eccelsa il cammino di una donna verso la libertà. Libertà da un amore ormai non più ricambiato.

(83)

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.