Libri

Dopo il libro di Koethi Zan: la recensione

Dopo, il libro di Koethi Zan

Il mistero ed il terrore ci affascinano, ci conducono in mondi differenti attraverso porte che, per nostra fortuna, non ci è dato attraversare. E’ il caso del romanzo “Dopo” di Koethi Zan.

Sarah, la protagonista, è riuscita a fuggire dall’incubo. Rapita e tenuta segregata in uno scantinato, con altre due ragazze più la sua amica Jennifer, ha subito atroci torture da un folle di nome Jack Derber. Eppure l’incubo ritorna perchè Jack sta per uscire dal carcere e le sue lettere la perseguitano. Sarah, dieci anni dopo, è una persona in preda a fobie e traumi che ne limitano tantissimo la vita ma trova comunque il coraggio di ritornare sulla drammatica vicenda per ritrovare il cadavere della sua migliore amica. Dovrebbe essere l’FBI ad aiutarla ma Sarah decide di fare a modo suo ed interpella le sue ex compagne di sventura, Christine e Tracy, con cui però non ha un buon rapporto. Nessuna di loro vorrebbe rivedere Jack e nessuna di loro vorrebbe affrontare di nuovo l’orrore eppure devono farlo, per se stesse ma anche per le altre vittime. Quando la soluzione però sembra essere a portata di mano tutto degenera e l’incubo ricomincia.

Recensione

“Dopo” di Koethi Zan è un thriller mozzafiato. Leggere questo libro è come trovarsi sull’orlo dell’abisso e guardarvici dentro. Narrato in modo quasi totalmente fluido, salvo delle parti in cui va un po’ a rilento perdendosi in dialoghi che sembrano interminabili. Il Dopo, a cui si riferisce il titolo, è il periodo in cui Sarah vive come una sopravvissuta al periodo allucinante, in cui si trovava praticamente sepolta viva a causa di uno psicopatico ma attraverso i suoi ricordi si rivive tutta l’esperienza del suo passato compreso il Prima. E’ un romanzo che non parla però solo di crudeltà e follia ma anche del coraggio di chi si sente perduto ma vuole a tutti i costi resistere e riesce a salvarsi.

Davvero avvincente e consigliato a chi ama i thriller dal risvolto psicologico.

Purtroppo è da annotare la ridicola traduzione del titolo, che in inglese è “Never List” e quindi sarebbe stato più giusto tradurlo con la Lista del Mai, di cui scoprirete il significato leggendo il libro. A parte questo dettaglio è davvero un libro sorprendente con un finale spettacolare.

Ultima News

Quando cambiare le lenzuola, consigli per un materasso pulito e in salute

Se vi è sorto il dubbio su ogni quanto tempo bisogna cambiare le lenzuola del…

Seitan ricette e mille modi per cucinarlo

Oggi vogliamo farvi avvicinare in parte a quella che è la cucina vegana e lo…

Verdure di stagione: estate

Dopo aver visto quali sono i frutti dei mesi caldi, vediamo oggi quali sono le…

Come cambiare il cinturino di un orologio

Cosa ne dite quest’oggi di imparare a cambiare il cinturino di un orologio. Quante volte,…

Melanzane alla parmigiana ricetta originale

Proprio ieri, il mio caro papà mi ha portato dalla campagna delle freschissime e bellissime…

Come conservare un vino nel modo giusto

Nella conservazione di un vino ci sono tanti piccoli errori che si possono fare. Nel…

Questo sito utilizza i cookies.