risorse umane

Lavorare nelle risorse umane: i corsi formativi più interessanti

2Shares

In Italia si parla spesso del fatto che la forza lavoro disponibile nel Paese non è adatta allo svolgimento di alcune delle attività che oggi richiamano un più ampio numero di addetti. Ci sono però delle attività che sono aperte a un ampio panorama di soggetti, che possono aver seguito molte strade prima di approdarvi. È questo il caso delle risorse umane, un ambito lavorativo che richiama soggetti con competenze formative molto varie. Anche in questo caso però alcune strade possono offrire maggiori competenze a chi desidera lavorare nella gestione delle risorse umane.

I corsi di studi

Chiaramente il primo passo per poter accedere a posizioni che riguardano la gestione delle risorse umane riguarda gli studi universitari. In linea generale spesso le aziende preferiscono soggetti che abbiano seguito corsi universitari di tipo umanistico, ma si tratta di un’indicazione decisamente molto generale. Spesso chi gestisce le risorse umane possiede una laurea in ambito psico pedagogico; psicologia e scienze dell’educazione sono tra le più indicate. Si tratta comunque di posizioni aperte anche a chi possiede una laurea umanistica in senso lato, quindi in lettere e filosofia per fare un esempio pratico. Può accedere a questo settore anche chi possiede una laurea in ingegneria gestionale, in giurisprudenza, in antropologia e sociologia o in economia. Ovviamente i corsi formativi post laurea possono aiutare chi desidera lavorare in questo ambito ad ottenere le competenze necessarie, per ambire anche a posizioni di rilievo.

Le posizioni aperte

Le posizioni disponibili nell’ambito delle risorse umane dipendono direttamente dalla singola azienda. Anche perché non sempre questo ambito si sviluppa nella medesima modalità in tutte le realtà imprenditoriali. Anzi, in alcune situazioni si occupa della gestione delle risorse umane chi riveste anche altre posizioni, dedicando solo parte del proprio tempo all’effettivo svolgimento di tale compito. In linea generale però possiamo suddividere il settore delle risorse umane in tre macro categorie: amministrazione del personale vera e propria, con coinvolgimento diretto o esterno a tutto ciò che riguarda il calcolo delle paghe, la gestione dei contratti lavorativi, le questioni correlate ai periodi di ferie o ai permessi; la formazione continua del personale, anche in alcuni casi attraverso la somministrazione di specifici corsi o la scelta degli stessi presso consulenti esterni; la ricerca, la selezione e l’assunzione di nuovi soggetti. In alcune realtà sono presenti figure diverse che si occupano di svolgere i compiti presentati in ognuna delle tre categorie appena enunciate; in altre realtà invece il responsabile delle risorse umane, insieme al suo team di lavoro, si occupa di tutte le attività.

Leggi anche
Mobbing e danno da demansionamento: cosa dice la legge

I requisiti per lavorare nelle risorse umane

risorse umane laurea

Oltre alla laurea e a un eventuale corso post laurea è importante notare che per lavorare nelle risorse umane è importante avere a disposizione alcune competenze specifiche. Prima di tutto si deve considerare che chi opera in questo ambito deve avere a che fare quotidianamente con le persone, sia faccia a faccia sia gestendone i compiti e le attività. Avere delle buone doti comunicative è quindi essenziale, se non ci si vuole scontrare quotidianamente con problematiche di vario genere. Oltre a questo è essenziale avere a disposizione buone capacità organizzative così come abilità che potremmo esprimere con un singolo aggettivo: politiche. Spesso infatti il responsabile delle risorse umane occupa la posizione di negoziatore tra l’azienda e il personale, o comunque si trova a dover discutere questioni quali le paghe orarie, i turni di lavoro, i contratti lavorativi e così via. È importante notare che questo tipo di skill si acquisiscono con l’esperienza, ma è comunque possibile preparare un terreno fertile seguendo specifici corsi di studio.

È possibile trovare lavoro in questo settore?

Rispondere a tale domanda non è semplice, in quanto molto dipende dal momento storico, dalla situazione del mondo del lavoro in senso generale, dalla realtà specifica in cui si intende lavorare. Stiamo parlando comunque di varie posizioni lavorative possibili, quindi di un panorama di offerte abbastanza ampio e variegato. Sostanzialmente in qualsiasi azienda, pubblica o privata, è presente almeno una figura che si occupa delle risorse umane, non sempre però svolge solo questa attività o lo fa in modo del tutto esplicito. È vero comunque che le posizioni disponibili sono numerose, considerando anche il fatto che negli ultimi anni si sono presentate nuove problematiche, che in vari casi è bene siano seguite da uno specifico soggetto.

Nuove problematiche e corsi di studio

Per ottenere le competenze necessarie a lavorare in questo settore un’ottima idea è quella di seguire un master in organizzazione e sviluppo delle risorse umane. Si tratta di corsi rivolti proprio a chi già opera in questo settore o a neolaureati che vogliono avvicinarvisi. Seguendo questo corso di studi si ha la possibilità di ottenere le skill necessarie per operare nelle risorse umane; per altro oggi sono disponibili anche corsi che si svolgono in modo virtuale, almeno parzialmente. I master propongono corsi pratici, che aiutano a inserirsi in una specifica area lavorativa toccandone con mano le problematiche. Ricordiamo che questo tipo di corso è rivolto anche a coloro che già operano nell’ambito delle risorse umane, considerando anche le nuove problematiche che si stanno prestando a tali addetti a causa della pandemia e delle modifiche che ha apportato a vari ambiti lavorativi.

Leggi anche
Concorso Polizia di Stato: cosa bisogna sapere

Fonte Immagini: Depositphotos

2Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.