Yara Gambirasio nuova possibile svolta nelle indagini

 Yara Gambirasio nuova possibile svolta nelle indagini

yara gambirasio

Articolo aggiornato il

Nell’eterna indagine che riguarda la ragazza assassinata di Brembate di Sopra, Yara Gambirasio, ora sembra esserci una nuova possibile svolta nelle indagini in quanto stanno interrogando gli amici della sorella di Yara, Keba. Dopo infinite indagini, e l’esame di migliaia di DNA che nulla hanno portato se non al dispendio di energie, tempo prezioso e denaro pubblico, ora si cerca di scavare e di trovare qualche cosa che porti alla soluzione di questo caso senza fine.

Adesso, infatti, a soli sei mesi dal termine delle indagini sull’assassinio di Yara Gambirasio, sono stati messi sotto torchio gli amici di Keba. In particolare, come riportato dal Corriere della Sera, un ragazzo, amico di Keba, sarebbe stato interrogato per sapere quali amici della sorella Yara avrebbe frequentato. Ora, a distanza di più di un anno e mezzo dall’inizio delle indagini, sarebbe emersa una nuova pista. Il ragazzo interrogato, infatti, ha affermato che uno in particolare avrebbe avuto più contatti con la piccola Yara. Ora si sta cercando di capire se è una nuova possibile pista oppure se è un’ennesimo buco nell’acqua.

(28)

1 Comment

    Avatar
  • Rispondo a Claudia: certamente non cdionvido le parole pronunciate da mons. Bertoldo cui lei si riferisce, anche se non sono stato in grado di reperire la fonte originale di quelle dichiarazioni (perf2 ho visto che risalgono a qualche mese fa e solo recentemente qualcuno le ha riproposte alla pubblica riprovazione). Le aggiungo che mons. Bertoldo e8 un signore di quasi ottant’anni, che dal 2008 e8 “emerito”: vuol dire che non e8 pif9, per motivi di ete0, alla guida della sua diocesi, ne9 e8 membro della Conferenza episcopale italiana, anche se rimane ovviamente vescovo (perche9 il ministero e8 un sacramento e dai sacramenti non si va in pensione), e come tale mantiene, perlomeno davanti ai cristiani, una sua autorevolezza. Ci sono peraltro molti altri signori di quella generazione che purtroppo la pensavano e la pensano come lui, anche se naturalmente se ne stanno tranquilli a badare i nipotini e nessuno riporta la loro opinione sui giornali.Quanto alla credibilite0 del (mio) commento, sarei contento se lei la misurasse sulle cose che scrivo e che faccio (sono un giornalista e con la credibilite0 ci campo…) e sulla coerenza (per quel che posso) di quelle con la mia vita personale. Se invece lei mi fa corresponsabile della credibilite0 dell’intera Chiesa cattolica, magari anche andando indietro fino all’editto di Costantino, mi creda: a volte non ce la fa neanche il papa a reggere questa responsabilite0, s’immagini se posso farcela io…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.