Menu Chiudi

Torino: scontri tra studenti e polizia

Torino: scontri tra studenti e polizia
Sono 7 i manifestanti denunciati durante la protesta di ieri a Torino. Lo ha reso noto la Questura. In precedenza si era parlato di 4 fermi e le accuse vanno dall’imbrattamento alla resistenza a pubblico ufficiale e in concorso a lesioni a pubblico ufficiale. Uno dei promotori del Corte studentesco di oggi è stato accusato di manifestazione non preavvisata. In mattinata ci sono state tensioni tra gli studenti e la polizia.

Torino: scontri tra studenti e polizia

Tutto accade a mezzogiorno, quando il corteo studentesco si trova in Piazza castello da appena un quarto d’ora e alcune centinaia di giovani si assiepano per ascoltare gli interventi al microfono in chiusura della manifestazione. Agenti della polizia presidiano l’ingresso del palazzo della Regione e qualche ragazzo si rivolge a loro chiedendo: “Con noi non ve li togliete i caschi, vero?” . Il riferimento è alla controversa  deposizione dei caschi di fronte ai militanti del Movimento 9 dicembre che si sono resi protagonisti di incidenti davanti alla Regione e al Comune di Torino all’inizio della settimana. Prende la parola uno studente che si definisce né di destra né di sinistra e che chiede che le bandiere rosse vengano abbassate e che questo avvenga anche nei prossimi cortei.

“Siamo messi in difficoltà da queste bandiere, e penso di rappresentare anche altre persone dal momento che io non mi definisco né di destra né di sinistra e chiedo di togliere le bandiere provando a comunicare i nostri contenuti senza sventolare un pezzo di stoffa”.

Passano pochi istanti e parte il lancio di uova e palloncini pieni di vernice colorata indirizzati contro il palazzo della Regione e agli scudi degli agenti che decidono di avanzare per fare indietreggiare i manifestanti. Per qualche attimo c’è un contatto tra polizia e studenti. Contusi due giovani e portati al pronto soccorso per sospetta frattura alle dita e due agenti mentre fumogeni rossi accolgono l’ingresso in piazza dell’ambulanza chiamata qualche minuto prima per soccorrere una ragazza incinta vittima di un leggero malore.

“Durante la manifestazione svoltasi nella mattinata di oggi a Torino per chiedere le dimissioni del Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota, il corteo studentesco è stato pesantemente caricato dalle forze dell’ordine che in maniera del tutto ingiustificata hanno fermato 4 studenti minorenni delle scuole superiori torinesi”.

Questo quanto affermato da Federico del Giudice, Portavoce nazionale degli studenti della Rete della conoscenza.

(48)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.