Menu Chiudi

TORAH PIU’ ANTICA DEL MONDO SCOPERTA PER CASO A BOLOGNA

n_1703d206c315d22f9a8a07c5c9233bff

Alma Mater, scoperto Torah,  il rotolo del Pentateuco più antico al mondo

Stava esaminando alcuni rotoli presso la Biblioteca Universitaria dell’Alma Mater per il nuovo catalogo Bub in pubblicazione e il Prof. Mauro Perani, ordinario di Ebraico al Dipartimento di Beni Culturali dell’ateneo felsineo (sede di Ravenna) si è accorto che “la grafia era molto antica e di origine orientale”. Contattati i massimi esperti al mondo di ebraismo, il professore ha avuto conferma dei suoi sospetti. Quello che si è ritrovato tra le mani è il rotolo completo della Torah più antico del mondo, conservato in archivio all’insaputa di tutti. Non se ne conosce infatti la provenienza.

Il rotolo, lungo 36 metri e alto 64 centimetri fatto di morbida pelle ovina, così morbido da sembrare stoffa di lino, è formato da 56 sezioni cucite tra loro, contiene il testo completo del Pentateuco (o Torah, appunto) ovvero i primi cinque libri della Bibbia: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio. E’ stato scritto a mano tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo (1155-1225) e risulta essere, appunto, il più antico rotolo ebraico completo della Torah ad oggi conosciuto al mondo. E’ stato catalogato nella Biblioteca Alma Mater a fine ‘800 come “dalla scrittura goffa” e risalente al 1600.
Sono state eseguite anche due prove al carbonio 14, una all’Università del Salento e una in un laboratorio Usa, che hanno confermato la datazione.
Tra l’altro, aggiunge il docente,
il testo non rispetta le regole di Maimonide, che nel XII secolo fisso’ in maniera definitiva tutta la normativa rabbinica relativa alla scrittura del Pentateuco. Nella Torah ‘bolognese’ “ci sono lettere e segni assolutamente proibiti” dopo la codificazione di Maimonide. Ad oggi i rotoli “sono molto rari – spiega ancora Perani – perche’ i manoscritti, quando sono rovinati e per questo perdono la loro santita’, non possono piu’ essere usati per le funzioni religiose e vengono seppelliti”. La Torah, del resto, “per gli ebrei e’ la cosa più sacra che hanno”.

Finora erano stati scoperti solo alcuni frammenti di rotoli del X secolo, mentre i più antichi esistenti interi risalgono al XIV secolo.

La nuova scoperta arricchisce il fondo ebraico della Bub, fatto da innumerevoli codici tra cui il Canone di Avicenna. Ma la biblioteca possiede anche “la collezione piu’ importante di Corani in Italia”, sottolinea la direttrice. Per Perani, questa scoperta

“rafforza il legame a doppio filo tra Bologna e la Torah”.

Sotto le Due torri, infatti, nel 1482 fu pubblicata la prima copia del Pentateuco stampata. Presente alla conferenza stampa anche don Giovanni Nicolini, amico di vecchia data di Perani.

“Mi fa molto piacere essere qua, e’ una scoperta straordinaria – afferma il sacerdote – quando ci si avvicina a testi cosi’ antichi, si coglie il mistero della comunicazione del Signore nella storia, che non cessa di stupire e commuovere”.

Ha un valore immenso, almeno un milione di euro, spiega Perani. E per questo la Bub sta mettendo in atto le dovute precauzione per conservarlo e custodirlo. Sara’ fotografato, sezione per sezione, e reso disponibile per gli studi in forma digitale.
“Ma vogliamo evitare che finisca preda dei social network”
spiega Antonino..
Della scoperta e’ stato subito informato il ministro dei Beni culturali, Massimo Bray. “Forse lo vedremo da queste parti”, anticipa la direttrice della Bub, Biancastella Antonino, questa mattina presentando il rotolo in anteprima alla stampa. “Vale almeno un milione di euro”

(Fonte Dire)

(67)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.