Menu Chiudi

Roma: perde la mano un manifestante durante il Corteo dei Movimenti per il diritto alla casa

Roma: perde la mano un manifestante durante il Corteo dei Movimenti per il diritto alla casa
Almeno 20 persone sono rimaste ferite in scontri tra forze di sicurezza e manifestanti che protestavano contro la politica di Renzi. Perde la mano un manifestante a causa di un petardo.

Roma: perde la mano un manifestante durante il Corteo dei Movimenti per il diritto alla casa

Almeno 20 persone sono rimaste ferite durante il Corteo dei Movimenti per il diritto alla casa e cinque sono stati gli arresti  e due le denunce durante gli scontri avvenuti a Roma ieri tra le forze di sicurezza e i manifestanti. Il tema della manifestazione era quello di protestare contro le misure di austerità imposte dal governo italiano, guidato dal Primo Ministro, Matteo Renzi.

Gli scontri sono iniziati in via Veneto, considerato un punto caldo della manifestazione, dove è presente il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. I manifestanti hanno inizialmente lanciato uova e arance presso la sede del Ministero dell’Economia in segno di protesta, subito dopo però petardi e bastoni e catena contro la polizia che conta tra di loro 14 feriti mentre tra i manifestanti se ne contano 6 tra cui un giornalista colpito alla testa ma non grave. Uno dei manifestanti del Corteo dei Movimenti, un peruviano di 47 anni, ha perso la mano a causa dell’esplosione di un petardo, mentre un poliziotto ha la gamba ustionata a causa di una bomba carta.

Anche in questa occasione la violenza ha fatto da padrona nonostante le numerose persone presenti al corteo avessero iniziato in maniera assolutamente pacifica esibendo striscioni come “Ribaltiamo il governo Renzi. Cancelliamo il decreto Lupi e Jobs Act”. Donne, anziani e bambini sfilano per andare contro le misure di austerità applicate da Renzi e per la precarietà del lavoro. Oltre 1500 gli agenti delle forze dell’ordine schierati nei punti  decisivi.

Prima che iniziasse il corteo dei Movimenti la polizia ha sequestrato a una trentina di persone bastoni e catene. Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha affermato che il diritto di manifestare non può sfociare in atti violenti. “Questa violenza non è solo fisica, ma colpisce duramente tutta la città, che gioca il suo ruolo di capitale ospitando manifestazioni e ricevendo in cambio scontri e disordini”. Dichiara Marino.

(66)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.