Menu Chiudi

Polizia carica corteo di studenti a Torino: 30 i feriti

Polizia carica corteo di studenti a Torino: 30 i feriti

Polizia carica corteo di studenti a Torino: 30 i feritiTorino – “Contro crisi e austerità riprendiamoci scuola e città” questo l’appello di 500 giovani studenti di medie superiori e università che venerdì 5 ottobre sono scesi in piazza a Torino per protestare contro Monti, le banche e il ministro Profumo.

Il corteo è iniziato in Piazza Albarello con musica e balli, risa e allegria ma comunque con un solo intento: quello di far sentire la loro voce in maniera pacifica. La voce di giovani studenti che non riescono a vedere un futuro, costretti a subire i continui tagli all’istruzione.

La manifestazione è partita alle ore 9 e a causa della deviazione del percorso concordato, la polizia ha caricato il corteo provocando 30 feriti fortunatamente non gravi.

Questa la testimonianza di un ragazzo presente alla manifestazione:

“Ci hanno bloccato. Immagino che degli anarchici abbiano lanciato delle uova per protesta. Gli sbirri hanno cominciato a caricare. Io e lei eravamo dietro e, per evitare la massa che ci veniva addosso, abbiamo girato in una traversa. C’era della polizia anche lì e ci sono venuti addosso. Noi abbiamo alzato le mani per permettere di farci passare. Noi non avevamo fatto nulla. Appena mi hanno visto mi hanno dato una manganellata in testa e a lei, visto che gli stava dicendo di lasciarmi stare, gliene hanno data una nello stomaco”.

Questo il video de “Il Fatto Quotidiano” che testimonia quanto avvenuto.

Fonte immagine: Flickr da Valerio Pirrera

(30)

1 Comment

  1. Avatar
    Elisa

    E meno male che siamo in un paese democratico!
    Vergogna! Invece di ripulire l’Italia dalla corruzione, dalle montagne di soldi che ci rubano le (chiamiamole) “creature” che sono al governo; dagli extracomunitari che si accaparrano i ns. posti di lavoro, che entrano nelle nostre case, che hanno priorità negli asili, nelle scuole, negli ospedali, la polizia se la prende con i nostri ragazzi che cercano di far sentire la loro protesta.
    Quando si farà pulizia di tutto questo schifo?
    Mai. E’ più comodo prendere a manganellate dei ragazzi che protestano cantando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.