Menu Chiudi

Picchia la moglie incinta: non è un maschio

Ritorna a casa ubriaco e picchia violentemente la moglie incinta: il bambino che aspetta non è un maschio.

Un uomo di nazionalità indiana, residente da anni in Trentino, ha picchiato la moglie al quarto mese di gravidanza  per più di un’ora in quanto il bambino che aspetta non è un maschio.

Dalle ricostruzioni sembra che l’uomo sia ritornato a casa completamente ubriaco e, saputo dalla moglie che il bambino che porta in grembo non è un maschio, ha iniziato a colpire ripetutamente la donna con calci e pugni davanti alle loro due figlie rispettivamente di 3 e 5 anni. La donna, prima di riuscire a chiamare aiuto, ha dovuto attendere che il marito si addormentasse. I carabinieri che sono intervenuti sul posto hanno portato subito la donna all’ospedale di Arco, dove ora è ricoverata con una prognosi di 25 giorni.

Le due bambine sono state affidate dai carabinieri ai servizi assistenziali della città di Trento dove hanno anche segnalato che la figlia più piccola si presenta con i capelli corti e con abiti da maschietto. Così era il desiderio del padre. Anche per questo motivo il caso è stato segnalato ai servizi sociali che trasferiranno le due piccole in una casa protetta.

Fonte immagine: Flickr artonline – Marco Musso

(32)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.