Pedofilia: arrestato parroco per atti sessuali con minori

 Pedofilia: arrestato parroco per atti sessuali con minori

Articolo aggiornato il

Un nuovo caso di pedofilia da parte di un parroco, Don Giovanni Desio di anni 52, è avvenuto nel Ravennate. Il Gip che ha formulato le accuse dichiara che il parroco non aveva freni inibitori.

Ravenna: Don Giovanni Desio, il parroco 52enne è stato arrestato quando si trovava nella canonica di Casalborsetti dove alloggiava. L’ordinanza di carcerazione, emanata dal Gip Rossella Materia, è stata consegnata dalla polizia al parroco dopo aver fatto allontanare i presenti. Secondo il Gip, il parroco non aveva alcun freno inibitorio e per questo il suo comportamento poteva essere fermato solamente con misure altamente cautelative. Le accuse sono di atti sessuali con minori e adescamento di minorenni.

Sono stati sequestrati nell’alloggio del parroco appunti vari, il suo computer, i cellulari, altro materiale tecnologico e addirittura alcuni palloni. Rossella Materia ha fissato l’interrogatorio di garanzia a domani. Nel 2008 don Giovanni aveva pubblicato sul settimanale diocesano locale una poesia che aveva suscitato diverse polemiche per il suo contenuto velatamente erotico.  Il parroco si era giustificato affermando che le parole possono essere interpretate come uno vuole.

Alessandro Mancini, il procuratore capo della città di Ravenna, ha affermato essere stata un’operazione anti-pedofilia molto accurata che è risultata consistente e solida.

Don Giovanni Desio si era reso protagonista a febbraio di un incidente automobilistico nel quale aveva urtato violentemente una Golf parcheggiata per poi finire con la sua auto, una Bmw acquistata poche settimane prima, nel canale d’acqua adiacente. Sentendo il forte rumore due uomini presenti hanno sfondato il parabrezza della Bmw e tirato fuori il parroco.

Successivamente, il prete ha poi spiegato che era stato a casa di una famiglia di suoi parrocchiani e di aver bevuto del vino senza però essere ubriaco. Il tasso alcolico rilevato era però di quattro volte superiore al limite consentito.

(67)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.