Menu Chiudi

Papa Francesco ridisegna la Chiesa del futuro

Papa Francesco ha attaccato il capitalismo sfrenato come “una nuova tirannia”, esortando i leader mondiali a combattere la povertà e la disuguaglianza crescente nella prima grande opera che ha scritto da solo come pontefice.

Papa Francesco ridisegna la Chiesa del futuro

Il documento di 84 pagine, noto come un’esortazione apostolica, pari a una piattaforma ufficiale per il suo pontificato, sulla base di opinioni che ha manifestato nei sermoni e nelle sueosservazioni da quando è diventato Papa.

In questo documento, Papa Francesco è andato oltre i commenti precedenti che criticavano il sistema economico mondiale , attaccando la “idolatria del denaro” e supplicando i politici di garantire a tutti i cittadini “lavoro dignitoso, istruzione e assistenza sanitaria”.

Egli ha anche invitato i ricchi a condividere la loro ricchezza. “Così come il comandamento ‘Non uccidere’ pone un limite chiaro al fine di salvaguardare il valore della vita umana, oggi dobbiamo anche dire ‘tu non farai’ ad un’economia di esclusione e disuguaglianza. Tale economia uccide” Ha scritto Papa Francesco in questo documento pubblicato oggi.

“Come può essere che non è una notizia, quando una persona anziana senzatetto muore di freddo, ma è una notizia quando il mercato azionario perde due punti?”

Il Papa ha affermato che un rinnovamento della Chiesa non poteva essere messo fuori e il Vaticano e la sua gerarchia radicata “anche bisogno di sentire la chiamata alla conversione pastorale”.

“Preferisco una chiesa che è ammaccato e sporca perché è stata fuori per le strade, piuttosto che una chiesa che è sano perché confinata e aggrappata alla propria sicurezza”, ha scritto.

Chiamato Evangelii Gaudium (La gioia del Vangelo), il ridisegno della Chiesa è presentato in modo semplice e affettuosa come è nello stile di predicazione di Papa Francesco, distinto dagli scritti più accademici di ex Papi, e sottolinea la missione centrale della Chiesa di predicare “la bellezza dell’amore salvifico di Dio reso manifesto in Gesù Cristo “.

Finché i problemi dei poveri non sono radicalmente risolti respingendo l’assoluta autonomia dei mercati e la speculazione finanziaria e agendo sulle cause strutturali della disuguaglianza, nessuna soluzione sarà trovata per i problemi del mondo o, per quella materia, a tutti i problemi “, ha scritto.

Negare questo è stato semplice populismo, ha chiamato per l’azione “al di là di un semplice mentalità welfare” e ha aggiunto: “Chiedo al Signore di concederci più politici che sono realmente disturbati dallo stato della società, la gente, la vita dei poveri.”

(35)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.