Menu Chiudi

Economia: Italia con ulteriore calo Pil. Durata record recessione

Il Pil italiano cala per il settimo trimestre di fila. E’ la prima volta che succede dal 1990, quando sono iniziate le rilevazioni dell’Istat.

pil

Nei primi tre mesi del 2013 la diminuzione è stata dello 0,5% rispetto all’ultimo trimestre del 2012 e del 2,3% rispetto al primo. Le previsioni dell’Istituto di Statistica, per quest’anno, sono peggiori di quelle del Governo. Se negli ultimi tre trimestri non ci fossero variazioni rispetto al primo, secondo l’Istat, il 2013 si chiuderebbe in calo dell’1,5% rispetto all’anno scorso.

Il Governo prevedeva una diminuzione del 1,3%. Stamattina sono arrivati anche i dati sul Pil degli altri paesi dell’Unione Europea, che resta in recessione in questo primo trimestre del 2013 anche se di poco. I 17 paesi dell’Euro hanno perduto, in tutto, lo 0,2% del Pil rispetto al trimestre precedente, l’1% rispetto all’anno scorso.

Ma in complesso i Paesi in crisi riescono ad arginare le ferite, tranne Cipro colpita dal tracollo delle sue banche, che perde l’1,3% e l’Estonia l’1%. La Spagna, come l’Italia, diminuisce solo dello 0,5% del Pil. La Francia dello 0,2% e la locomotiva europea, la Germania, resta ferma con un magro + 0,1%. Alla fine del 2012 era andata addirittura in negativo. In totale, nel 2013 secondo le previsioni, la zona Euro perderà un punto di Pil in tutto e, entro il 2014, dovrebbe andare meglio.

Fonte: RadioPopolare

(45)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.