Menu Chiudi

Dopo il naufragio della Concordia Schettino torna in mare

Francesco Schettino, il comandante della nave Costa Concordiache naufragò all’Isola del Giglio la sera del 13 gennaio scorso e che costò la vita a più di trenta persone è stato immortalato dal quotidiano britannico The Sun a bordo di un motoscafo in calzoncini e occhiali da sole insieme ad un amico nelle acque di Sorrento.

Il capitano aveva dichiarato di non voler più metter piede su di una imbarcazione è oltre tutto, anche se dal 5 di luglio non è più agli arresti domiciliari, ha pur sempre l’obbligo di dimora. Per questo Schettino non avrebbe potuto allontanarsi per più di 20 metri dalla costa. Bruno Leporatti, indicato dal The Sun come compagno di scorrazzate e legale del comandante, lo difende affermando che non avrebbe infranto nessuna legge e che voleva semplicemente fare un bagno lontano da occhi curiosi.

Forse gli occhi curiosi di chi si chiede il motivo per cui una persona indagata per responsabilità oggettiva e abbandono della nave possa farsi un bagno tranquillo mentre i corpi di due passeggeri della Costa Concordia sono ancora incagliati nel relitto e più di trenta famiglie piangono ancora i loro cari.

Fonte: Il fatto quotidiano

(50)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.