funghi porcini

Funghi porcini tutto quello che c’è da sapere

30Shares

Non è necessario essere un esperto cercatore per apprezzare il sapore intenso e carnoso dei funghi porcini. Questi funghi ricchi e sostanziosi sono un’aggiunta meravigliosa alla cucina di casa, ma sono anche difficili da trovare e preparare correttamente. Molte persone hanno difficoltà a capire come conservare e cucinare al meglio questo tipo unico di funghi. Poiché sono strettamente imparentati con i finferli selvatici, è necessario maneggiarli con cura per evitare di confondersi o di incorrere in contaminazioni incrociate con funghi simili velenosi. Continuate a leggere per sapere tutto quello che c’è da sapere su questi deliziosi funghi!

Che cos’è un fungo porcino?

funghi porcini

Il fungo porcino, chiamato in Francia anche Cèpe de Bordeaux, è un tipo di fungo commestibile di grandi dimensioni, dalla consistenza carnosa, che cresce spontaneamente nelle foreste di latifoglie e nei boschi misti in luoghi stagionalmente umidi, compresi i boschetti di querce, faggi e noci nelle regioni temperate dell’emisfero settentrionale. La specie più comunemente venduta nei supermercati e nei ristoranti è il porcino comune, Boletus edulis, originario di molte aree del mondo, tra cui l’Europa sud-orientale, l’Asia occidentale e il Nord America nord-occidentale. I porcini vengono spesso essiccati e utilizzati in molti tipi di cucina, tra cui sughi per la pasta, risotti, zuppe, stufati e molti altri tipi di piatti. I porcini sono un alimento tradizionale in molte culture e vengono utilizzati anche per scopi medicinali.

Leggi anche
Come conservare i funghi: guida pratica alla pulizia e conservazione

Come riconoscere i funghi porcini

funghi porcini

  • Colore: sono normalmente di colore marrone, marrone, grigio o nero, a seconda del colore del terreno in cui sono cresciuti.
  • Forma: hanno un cappello conico o a forma di uovo, con una consistenza liscia e vellutata. Il cappello può essere leggermente piegato o curvo nella parte superiore.
  • Consistenza: La consistenza dei funghi porcini è cremosa e umida, con una consistenza carnosa e gommosa.
  • Spore: Controllare la parte inferiore del cappello per vedere se le spore sono bianche, marroni o giallo chiaro.
  • Odore: questo tipo di fungo fresco, ha un odore ricco e intenso.
Leggi anche
Funghi di pineta: quali sono e quando trovarli

Consigli per trovare i funghi porcini

  • I funghi porcini sono più abbondanti dopo un autunno piovoso. Si possono trovare anche in primavera e in autunno, quando le condizioni sono sufficientemente calde e umide per la loro crescita.
  • Potete iniziare a cercargli a settembre e ottobre, quando i funghi sono pieni di sapore e hanno un gusto più ricco e burroso.
  • È anche possibile acquistarli al supermercato, ma non hanno lo stesso sapore ricco e terroso dei funghi porcini selvatici.
  • Se trovate una zona piena di questi funghi selvatici, non raccoglieteli tutti per non farli ricrescere.
Leggi anche
Funghi shiitake: benefici e come si coltivano

Come conservare i funghi porcini

I funghi porcini devono essere conservati in un sacchetto di carta o avvolti in un giornale, in un luogo fresco, asciutto e buio, a circa 10°C, con un livello di umidità del 90% circa. I funghi porcini hanno una durata di conservazione breve, da 10 a 14 giorni, quindi è bene acquistarli e conservarli il prima possibile dopo la raccolta. Per mantenerli freschi, è necessario cambiare il giornale ogni 2 o 3 giorni per evitare che i funghi siano esposti a un’umidità eccessiva, che potrebbe farli marcire. Tenete i funghi porcini lontani da tutti gli altri tipi di funghi, compresi quelli coltivati. Non conservateli in frigorifero!

Ecco i nostri consigli

Come conservare i funghi: guida pratica alla pulizia e conservazione
Funghi: trucchi e segreti del periodo di raccolta

Funghi porcini ricette come cucinarli

Ricetta del risotto ai funghi porcini e salsiccia

Prima di cucinare i funghi porcini è necessario eliminare un po’ di sporco. Pulite i funghi con un panno o un tovagliolo di carta, quindi affettateli. I funghi porcini possono essere consumati anche crudi, ma sono molto più buoni se cucinati. Alcuni modi semplici e tradizionali per cucinare i funghi porcini sono: saltarli nel burro e servirli con uova e pane tostato, grigliarli con la carne o aggiungerli a un risotto. Si possono bollire in zuppe, stufati e casseruole o preparare un risotto ai funghi porcini cuocendoli con il riso.

Leggi anche
Funghi: trucchi e segreti del periodo di raccolta

Ecco alcune nostre ricette

Risotto ai funghi porcini e salsiccia
Tagliatelle funghi porcini e pollo

Fonte Immagini: Depositphotos

30Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.