castagne

Come cucinare le castagne: curiosità e consigli per conservarle

1Shares

Le castagne hanno un sapore dolce e di noce che aggiunge profondità ai cibi. Sono disponibili tutto l’anno, quelle essiccate e sono disponibili nel stagione autunnale e all’inizio dell’inverno, quando l’albero produce i suoi frutti. Questi frutti di stagione autunnale sono dolci e profumate ed hanno tantissimi usi. Si possono arrostire, preparare salse o dolci. Date un’occhiata a questi consigli su come cucinare le castagne.

Che si tratti di castagne arrostite, ripiene, bollite o usate per arricchire i dessert, il loro sapore dolce e di nocciola non mancherà di certo. Condite con un po’ di sale e con le spezie che preferite, le castagne possono essere utilizzate in tutti i tipi di piatti. La loro consistenza unica e la loro croccantezza esterna sono ottime aggiunte a pane, torte e crostate, ma anche a zuppe, stufati e altri piatti salati. Le castagne possono essere consumate crude, arrostite o utilizzate in una varietà di ricette. Quando acquistate le castagne, assicuratevi che siano fresche e non secche. Quando si cucinano le castagne, bisogna assicurarsi che non siano troppo mature, perché risulteranno molto acide e non saranno altrettanto croccanti.

Scegliere con cura le castagne

Alcuni tipi di castagne si trovano durante la primavera e l’estate, di solito sono fuori stagione e non sono commestibili. Per trovare le castagne fresche, è necessario fare un po’ di lavoro da segugio. Basta andare nei boschi dove ci sono la presenza dei Castagni. Quando le trovate, staccate le castagne dall’albero e verificate che siano mature, potete anche raccoglierle da terra, sempre se non è passato tanto tempo dalla loro caduta, spesso dopo poco tempo parassiti e insetti entrano nel frutto e lo rovinano. Se sono ancora verdi, lasciatele sull’albero per farle maturare più a lungo. Se sono marroni, sono pronte per essere mangiate.

Leggi anche
Frutta di stagione: Autunno, Perchè consumare la frutta di stagione????

Arrostire le castagne “le caldarroste in padella”

castagne Arrostite

La tostatura alle castagne ne esalta il gusto dolce e le qualità naturali di nocciola.

  1. Per preparare le caldarroste in padella, dovete prendere delle castagne se possibile di medie e grandi dimensioni, controllate che siano intatte e che non abbiamo buchi, quelle ammaccate o bucate avranno un sapore sgradevole.
  2. Per prima cosa, sciacquate le castagne e stendetele su carta assorbente per eliminare ogni traccia di sporco o di grana. Quindi, lasciatele asciugare leggermente e conservatele in una ciotola con della carta assorbente o uno straccio di cotone fino al momento dell’utilizzo.
  3. Per non farle scoppiare come Popcorn, fate un taglio di circa 3 cm e tenetele in ammollo per almeno 2/3 ore.
  4. Una volta asciugate bene, mettetele nella padella forata con una fiamma media per circa 30 minuti, se possibile mettere uno spargifiamma per evitare di cuocerle troppo esternamente.
  5. Quando le castagne saranno cotte in maniera uniforme posatele in un contenitore con dentro un panno di cotone per mantenerle calde

Preparare un ripieno dolce di castagne per il tacchino

Questo ripieno è ricco di castagne arrostite, zucchero di canna, burro, cannella e altre spezie. Arrostite le castagne e preparate il ripieno in anticipo, poi mescolate il tutto prima di farcire il tacchino. Se dopo la cottura del tacchino dovesse avanzare del ripieno, versatelo in una casseruola e ricopritelo di pangrattato e burro fuso. Cuocetelo in forno fino a quando sarà ben caldo e croccante.

Aggiungere le castagne ai dessert di mele o pere

come cuocere le castagne

Le castagne sono fantastiche arrostite, ma possono anche essere aggiunte a prodotti da forno e dessert. Le castagne arrostite possono essere aggiunte alle mele al forno e alle torte di zucca. Un altro modo per unirle in un dessert è preparare una purea di castagne. È sufficiente mettere le castagne in una ciotola, coprirle d’acqua e lasciarle riposare per qualche giorno. Quindi, scolare le noci e mettere la purea in una casseruola con burro e panna. Una volta tiepida, la purea di castagne può essere aggiunta ai dessert di mele o pere per aggiungere dolcezza.

Leggi anche
San Martino, castagne e vino: la combo perfetta per ricaricarsi

Utilizzo delle castagne in curry e stufati

Le castagne sono particolarmente indicate per la preparazione di curry indiani. Quando si prepara un curry, le castagne vengono tipicamente aggiunte verso la fine del processo di cottura. La purea di castagne può essere aggiunta a curry, stufati e salse per esaltarne il sapore e aggiungere consistenza. È anche un buon ingrediente da tenere a portata di mano se si sta cercando di seguire una dieta più sana, poiché contiene poche calorie ed è povero di grassi, sodio e colesterolo. La purea di castagne può essere utilizzata per preparare un delizioso riso pilaf al vapore o aggiunta ai fiocchi d’avena per una colazione sostanziosa. È anche un buon ingrediente da tenere a portata di mano per aggiungere un po’ di proteine ai pasti.

Zuppa di castagne

Zuppa di castagne

La zuppa di castagne è un classico piatto autunnale. In genere si prepara con il pane raffermo, ma non è necessario. È possibile preparare la zuppa con castagne bollite e burro. La ricchezza della zuppa deriva dall’aggiunta di panna pesante, che viene semplicemente fatta bollire dalla panna scremata. La zuppa può essere servita calda o fredda ed è un’ottima scelta per le fredde giornate invernali. Negli USA è utilizzata anche un ottimo antipasto per la cena del Ringraziamento.

Leggi anche
Come cucinare le castagne idee e Valori nutrizionali

Congelare le castagne crude per un uso successivo

Se volete conservare le castagne crude per un uso successivo o per avere a disposizione delle castagne crude che non sono ancora pronte per essere raccolte, è sufficiente congelarle crude. Basta mettere le castagne in un sacchetto da freezer e, quando si è pronti a riutilizzarle, basta scongelarle e farle cuocere a fuoco lento con burro e spezie. Le castagne sono anche un ottimo spuntino da tenere a portata di mano durante la giornata quando sono ancora fresche. Se vi sentite un po’ affamati, mettete in bocca qualche castagna cruda. Hanno un sapore dolce e una consistenza croccante, quindi soddisferanno la vostra fame. Le castagne crude possono essere conservate in freezer per 6 mesi. Se volete conservarle più a lungo, potete metterle in un contenitore ermetico e riporle in freezer. Le castagne crude si conservano per almeno un anno nel congelatore.

Fonte Immagini: Depositphotos

1Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.