Menu Chiudi

Strage di Boston: si rifiutano tutti di seppellire l’attentatore

È un corpo sempre più ingombrante quello dell’attentatore Tamerlav Tsarnaev della strage di Boston che fu ucciso dalla polizia il 18 aprile nei sobborghi di Boston, mentre cercava di fuggire.

43

Dal 2 maggio, infatti, varie decine di persone hanno manifestato davanti all’agenzia di pompe funebri di Worcester, a cui è stata affidata la salma.

Dovrebbe essere sepolto all’inferno“, ha dichiarato un residente di Worcester interrogato dal “Boston Globe”. “Personalmente, lo metterei in una barca e lo farei affondare in mezzo dell’oceano per unirsi ad Osama bin Laden“, afferma un altro manifestante.

Non voglio rendere omaggio a un terrorista. Devo solo seppellire un corpo” si giustifica Peter Stefan, Dirigente delle pompre funebri Graham, Putnam e Mahoney, riporta il “Telegram & Gazette. ” Il mio problema è trovare un posto per seppellirlo “, ha anche detto all’agenzia AP.” Molte persone si rifiutano di farlo. Non vogliono essere invischiato in tutto questo “, lamenta Stefan.

Quattro cimiteri a Boston due delle quali hanno già risposto di non voler ricevere l’impresario di pompe funebri. Non abbastanza per scoraggiare Peter Stefan che crede che “ogni persona abbia diritto a un funerale”. Così ha sepolto alcune delle figure più controverse nella storia degli Stati Uniti come Lee Harvey Oswald, presunto assassino del presidente John Fitzgerald Kennedy il 22 novembre del 1963, o il serial killer Ted Bundy . “Qualcuno dovrà pur seppellirli!” dichiara.

Se non verrà trovata una soluzione, il direttore della camera ardente sarà costretto a rivolgersi al governo federale. Secondo la legge, i cimiteri non possono rifiutarsi di seppellire qualcuno accusato di reati penali.

 

(41)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.