Menu Chiudi

INTERNET COMPIE VENT’ANNI

www

Il 30 aprile 1993 il CERN (Centro Europeo per la Ricerca Nucleare) di Ginevra decise di aprire la tecnologia che rendeva il  World Wide Web, più comunemente chiamato da tutti Internet o w.w.w, libero e gratuito a tutto il mondo. La prima pagina web, bianca con scritte nere abbinate ad alcune scritte “ipertestuali”, (i cosiddetti “link” o “url” ) compie 20 anni.

A inventare il WWW fu il fisico britannico Tim Berners-Lee nel 1989; fu lui a chiamarlo World Wide Web e originariamente era concepito e  sviluppato per andare incontro alla richiesta di scambio di informazioni tra scienziati e ricercatori di università e istituti di ricerca di tutto il mondo. La decisione del CERN di rendere gratuita e accessibile a chiunque la tecnologia web consentì non solo la diffusione esplosiva di Internet ma anche la sua evoluzione e il cambiamento radicale negli stili di vita e di comunicazione di tutto il pianeta e dell’umanità intera.

“Non c’è settore della società che non sia stato trasformato dall’invenzione, da un laboratorio analisi – ha dichiarato Rolf Heuer, il Direttore Generale del CERN – dalla ricerca al business, fino ad arrivare alla scuola, il web ha riformato il modo di comunicare, di lavorare, di innovare e di vivere. Il web è un esempio potente di come la ricerca base sia di beneficio all’umanità”

downloadLo staff dell’organizzazione europea per la ricerca nucleare ha deciso di restaurare i file dell’epoca e di rendere disponibile una copia della Home Page del 1992 del primo sito reso pubblico sul web, visionabile a questo indirizzoL’obiettivo del CERN è quello di mostrare alle nuove generazioni le origini del web e di mostrare loro i “passaggi che hanno reso la primitiva rete di “nodi interconnessi” uno strumento di grande utilità e che ha permesso di mettere in comunicazione miliardi di persone.

http://info.cern.ch/

(46)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.