Menu Chiudi

Oggetti infestati e bambole possedute: curiosità paranormali

oggetti infestati

oggetti infestatiAvete mai avuto a che fare con oggetti infestati e bambole possedute? Le bambole hanno solitamente un che di inquietante con quelle fattezze umane e lo sguardo vitreo, per non parlare degli oggetti infestati (qui avevamo parlato del dibbuq) che prendono vita da soli, che si spostano e nel caso degli specchi mostrano orribili ed inquietanti spettri.

oggetti infestati

In tema di bambole possedute citiamo Robert, una bambola di pezza a grandezza naturale costruita nel 1896, raffigurante un bambino di cinque anni di nome Robert Gene Otto. Il bambino ricevette la bambola dalla sua tata, che odiava la famiglia, e che aveva adoperato il fantoccio in un rito voodoo. Iniziarono a verificarsi fenomeni paranormali, la bambola fu confinata in soffitta. Da aldulto Robert la ritrovò e ricominciarono i problemi: rumori, incubi, oggetti che si spostavano e la bambola stessa si muoveva. Chiusa di nuovo in soffitta, venduta la casa, la bambola fu trovata dalla nuova famiglia e la storia ebbe di nuovo inizio. Attualmente Robert si trova nel East Martello Museum in Key West. Alcuni visitatori sostengono di aver visto la bambola muoversi e di averla udita ridere.

oggetti infestatiFra gli oggetti infestati citiamo il quadro “The Hands Resist Him” di Bill Stoneham raffigurante un bambino ed una bambola. Una coppia lo acquistò su ebay ed affermò che il quadro era vivo: le figure si animavano ed uscivano dal dipinto. Una donna che successivamente lo ha avuto in custodia afferma che in quel dipinto era raffigurato il Male e che in casa si sentivano pianti, rumori ed accadevano strani fenomeni. Il dipinto è stato acquistato da una galleria d’arte a Grand Rapids.

La prossima bambola infestata si chiama Pupa ed è stata costruita nel 1920 a Trieste e pare raffiguri una bambina realmente esistita. Pupa attualmente si trova in un museo, ma non si sa quale di preciso, custodita in una teca di vetro. Lo staff sostiene che Pupa si muove, sposta gli oggetti attorno a lei e che passandole vicino si senta il rumore di dita che bussano sul vetro.

oggetti infestati

Annabelle è una delle bambole possedute che ha acquistato una certa fama con il film “The conjuring”. Questa bambola fu acquistata in un negozio da una donna che la regalò alla figlia. La famiglia fu preda di fenomeni inquietanti: la bambola si spostava, comparivano dei messaggi scritti sui biglietti che provenivano da una bambina morta. I coniugi Warren, demonologi, contattati per esaminare il caso scoprirono che in realtà la bambola era posseduta da un demone. I coniugi dopo alcuni incidenti capitati a loro durante il trasporto della bambole in auto e ad un prete che aveva sbeffeggiato la bambola, hanno rinchiuso l’oggetto infestato in una teca di vetro nel loro Museo dell’Occulto nel Connecticut. La bambola si può a tutt’oggi vedere ma non può essere toccata per nessun motivo. Lorren Warren, la proprietaria del Museo, sostiene che la bambola si muove e che sia in assoluto l’oggetto più malvagio con cui sia entrata in contatto.

oggetti infestati

Mandy è una bambola del 1900 che una donna donò al Quesnel Museum nel 1991 sostenendo che la bambola aveva causato incidenti a sufficienza. Lo staff del museo sostiene che dall’arrivo della bambola nel museo si verificano spostamenti e sparizioni anomale di oggetti. I visitatori sostengono che gli occhi di Mandy si muovano.

Fra gli oggetti infestati più famosi del mondo vi è uno specchio situato nella casa di Mirti Plantation, USA. Gli ospiti di questa casa hanno detto di aver visto delle impronte di manine di bimbo sul vetro e spettri riflessi, che sarebbero gli spiriti di Sara Woodruff e dei suoi figli morti avvelenati per mano ignota.

Ed infine la statua maledetta, che annoveriamo fra gli oggetti infestati. Questa statua pare causi la morte dei suoi proprietari: Lord Elphont e la sua famiglia nel 1878, Sir Alan Biverbrook e la sua famiglia tranne due figli ed il proprietario del Royal Scottish Museum di Edimburgo a cui la statua fu donata. La statua rappresenterebbe una dea, un idolo pagano della fertilità probabilmente, ragion per cui è stata ribattezzata la Dea della morte.

(544)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.