tatuaggi maori

L’origine dei Maori e la loro storia fino ad oggi

9Shares

I Maori sono una popolazione indigena della Nuova Zelanda, il cui nome significa “vero uomo” o “uomo autentico”. Si crede che i Maori siano arrivati in Nuova Zelanda dalle isole delle Polinesia circa 1000 anni fa, attraversando l’Oceano Pacifico in navi chiamate “waka“. Una volta arrivati, i Maori si insediarono in diverse parti dell’isola, dove costruirono le loro case, coltivarono la terra e vissero secondo le tradizioni e i costumi della loro cultura.

La cultura religiosa e simbolica dei Maori

La religione dei Maori era basata sulla credenza in diverse divinità, tra cui Tane, il dio delle foreste e della creazione, e Rongo, il dio dei raccolti. I Maori anche veneravano gli antenati, che erano considerati fonti di saggezza e protezione. La loro cultura era fortemente simbolica, con ogni aspetto della vita quotidiana legato a riti, cerimonie e significati spirituali profondi.

I disegni e i tatuaggi dei Maori

Uno dei tratti distintivi della cultura Maori sono i tatuaggi, noti come “moko”. I moko erano utilizzati come forma di identificazione sociale e rappresentavano l’appartenenza a una determinata famiglia o tribù. I disegni del moko erano molto dettagliati e complessi, e ognuno aveva un significato specifico. Ad esempio, le linee ondulate rappresentavano le onde del mare e il legame dei Maori con il mare, mentre i punti neri rappresentavano la forza e la determinazione.

I moko erano solitamente realizzati sulla faccia, ma potevano anche essere disegnati su altre parti del corpo, come le braccia e le gambe. I disegni venivano incisi nella pelle utilizzando un’unghia di pietra o un osso appuntito, e poi riempiti con inchiostro nero. I moko erano un segno di prestigio e venivano solitamente realizzati solo dai guerrieri più valorosi o dai capi tribù.

Haka maori

Leggi anche
Tatuaggi Maori: il Significato di un rito sacro le foto per una scelta mirata

Il significato dei tatuaggi Maori

Oltre ad essere un segno di identità sociale, i moko avevano anche un significato profondo e simbolico. Ogni disegno era unico e rappresentava le qualità e le virtù della persona che lo portava. Ad esempio, le linee curve e sinuose rappresentavano l’agilità e la flessibilità, mentre i punti neri rappresentavano la forza e il coraggio.

Oltre ai moko, i Maori utilizzavano anche altri tipi di tatuaggi, come i “kirituhi”, che erano disegni più semplici e meno dettagliati. I kirituhi erano spesso realizzati su tutto il corpo e avevano un significato più personale, spesso legato alle esperienze e alle aspirazioni della persona che li portava.

I tatuaggi Maori erano una parte importante della cultura e della vita dei Maori, e rappresentavano l’orgoglio e il legame con le proprie radici culturali. Oggi, i tatuaggi Maori sono diventati popolari in tutto il mondo e sono spesso utilizzati come forma di espressione artistica e personale.

I Maori sono una popolazione indigena della Nuova Zelanda con una ricca storia e cultura. La loro religione e il loro simbolismo sono stati fortemente influenzati dalle loro credenze spirituali e dalla natura, e i tatuaggi hanno svolto un ruolo importante nella loro vita quotidiana. I moko e i kirituhi erano utilizzati come forma di identificazione sociale e come mezzo per esprimere le virtù e le qualità personali, e oggi sono diventati una parte importante della cultura Maori e un simbolo di orgoglio culturale.

tatuaggi maori

Leggi anche
I tatuaggi maori più richiesti: simboli e significato (maori tattoo)

I tatuaggi originali dei Maori

  • Moko: tatuaggi dettagliati e complessi realizzati sulla faccia e altre parti del corpo, utilizzati come forma di identificazione sociale e per rappresentare le virtù e le qualità personali
  • Kirituhi: tatuaggi semplici e meno dettagliati, spesso realizzati su tutto il corpo e con un significato più personale
  • Ta Moko: tatuaggi di grandi dimensioni realizzati sulla parte superiore del corpo, utilizzati come segno di prestigio e riservati ai guerrieri e ai capi tribù
  • Ta Tatau: tatuaggi dettagliati realizzati su braccia, gambe e altre parti del corpo, utilizzati come segno di prestigio e riservati ai guerrieri e ai capi tribù
  • Te Uhi a Matangirau: tatuaggi realizzati sulla mano destra, utilizzati come segno di prestigio e riservati ai guerrieri
  • Te Uhi Maori: tatuaggi realizzati sulla mano sinistra, utilizzati come segno di prestigio e riservati ai guerrieri

Come si può vedere, i tatuaggi originali dei Maori erano diversi in base alla posizione del corpo in cui venivano realizzati e allo status sociale della persona che li portava. I moko e i kirituhi erano i tatuaggi più comuni, mentre i ta moko, i ta tatau e gli altri tatuaggi menzionati erano riservati ai guerrieri e ai capi tribù e avevano un significato più prestigioso. Oggi, molti di questi tatuaggi sono ancora realizzati e portati con orgoglio come parte della cultura Maori.

Leggi anche
Tatuaggi Maori il vero significato di una moda senza tempo

La Haka dei Maori

Haka Maori

La Haka è una danza tradizionale dei Maori, che viene eseguita per celebrare gli eventi importanti, onorare gli antenati e intimidire i nemici. La parola “haka” significa “danza” o “canto” in lingua maori, ed è una delle espressioni più iconiche della cultura maori.

La Haka è una danza molto fisica, che coinvolge movimenti del corpo vigorosi, espressioni facciali intense e grida di guerra. La danza è accompagnata da un canto che può essere composto sia da parole che da suoni gutturali. La Haka è eseguita da uomini e donne insieme e di solito è eseguita in cerimonie, matrimoni e altre celebrazioni importanti.

La Haka è diventata famosa in tutto il mondo grazie all’uso della Nazionale di Rugby della Nuova Zelanda, i famosi All Blacks, che la eseguono prima di ogni partita come simbolo di forza, coraggio e orgoglio. La Haka utilizzata dai All blacks si chiama “Ka Mate” e fu composta dal capo maori Te Rauparaha nel 1820 durante una fuga da un rivale tribù. La traduzione del testo parla di sfida alla morte e alla vittoria.

Questo gesto ha un grande significato per i maori e per i neozelandesi, e simboleggia il legame tra i giocatori e la loro terra d’origine. La Haka è diventata un elemento importante della cultura sportiva della Nuova Zelanda, e viene vista come un tributo alla storia e alla cultura maori.

In conclusione, la Haka è una danza tradizionale dei Maori che ha un significato profondo e simbolico per la cultura maori. La sua esecuzione è un’espressione di forza, coraggio e orgoglio, e rappresenta il legame tra i Maori e la loro terra d’origine. La sua esecuzione prima delle partite di rugby da parte della Nazionale della Nuova Zelanda, i All Blacks, ha reso la Haka famosa in tutto il mondo e l’ha trasformata in un simbolo importante della cultura sportiva della Nuova Zelanda.

Cosa dicono durante la Haka?

La Haka “Ka Mate” utilizzata dai All Blacks, ha un testo in lingua maori, che tradotto in inglese recita:

“Ka mate! Ka mate! Ka ora! Ka ora! Tenei te tangata puhuruhuru Nana i tiki mai whakawhiti te ra Upane! Upane! Upane! Upane! Whiti te ra!

Questo è l’uomo (che si è messo in piedi) colui che ha sconfitto la morte e ha fatto sorgere il sole Sali! Sali! Sali! Sali! Sorgi, sole!”

Questo testo parla di un capo maori, Te Rauparaha, che si ritrovò intrappolato in una situazione di pericolo di morte e riuscì a scappare. La danza e il canto celebrano la sua fuga e la sua sopravvivenza, e anche la sua vittoria sulla morte. Inoltre, la Haka invoca il sole, simbolo di vita e di speranza.

La Haka “Ka Mate” è solo una delle molte Haka esistenti, ognuna con un proprio significato e una propria storia. Nel rugby, come già detto, è utilizzata come una dichiarazione di forza, coraggio e orgoglio, e per celebrare il legame tra i giocatori e la loro terra d’origine

Fonte Immagini: Depositphotos

9Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.