Menu Chiudi

Curiosità: Rivelato il mistero dei gufi

gufo 1WASHINGTON – Alcuni ricercatori statunitensi hanno rivelato l’enigma di come i gufi possano ruotare la testa quasi completamente, fino a 270 gradi, senza danneggiare i delicati vasi sanguigni e senza mettere in pericolo l’afflusso di sangue al cervello.

Secondo gli studi condotti dalla Johns Hopkins University di Baltimora, i vasi sanguigni alla base della testa delle Civette hanno la capacità di espandersi in una sorta di serbatoi.

Questi serbatoi sarebbero in grado di accumulare il sangue tanto da fornire energia sufficiente a irrigare il cervello e gli occhi dei gufi durante la rotazione della testa.

Fino ad ora, gli specialisti nella scansione del cervello, che studiano le lesioni traumatiche delle arterie della testa umana e del collo si sono sempre chiesti come i gufi riuscissero in questa pratica senza morire di ictus “, spiega Philippe Gailloud neuroradiologo e autore principale dello studio pubblicato nel numero del 1 febbraio della rivista Science durante un’interventista,

Per risolvere il mistero, il team ha studiato la struttura delle ossa e dei vasi sanguigni nella testa e del collo di diversi tipi di gufi successivamente alla loro morte per cause naturali.

Un mezzo di contrasto è stato utilizzato per migliorare l’immagine radiografica dei vasi sanguigni degli uccelli, che sono stati poi meticolosamente sezionato, disegnati e scansionati per consentire un’analisi dettagliata.

Il risultato più sorprendente è avvenuto dopo che i ricercatori hanno iniettato del colorante nelle arterie dei gufi, per simulare il flusso di sangue, ruotando manualmente le teste dei gufi.

I vasi sanguigni alla base della testa, appena sotto l’osso mascellare, viene convertito in un tipo di serbatoio che poi viene rilasciato nel sistema circolatorio.

I risultati del nostro nuovo studio dimostra precisamente che adattamenti morfologici sono necessari il movimento particolare del collo dei gufi“, ha aggiunto Gailloud.

Fonte articolo: Code di Stampa

(48)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.