Come fare il latte di mandorle

 Come fare il latte di mandorle

Articolo aggiornato il

  latte di mandorke 300x215 - Come fare il latte di mandorleSe siete intolleranti al latte vaccino potreste provare il latte vegetale che è meno pesante ed apporta più benefici. Ecco come fare il latte di mandorle.

La maggior parte di noi è cresciuta con il latte vaccino, ma riflettendo su questo fatto, da adulti, ci si rende conto che è un’incongruenza. Un essere umano che beve il latte per i vitelli dopo esser stato svezzato, un latte ricco di grassi ed iperproteico, a che pro?

Il latte vegetale invece, nello specifico in questo caso il latte di mandorle, ha molti meno grassi (che sono comunque insaturi) e non ha un quantitativo alto di proteine, non da luogo ad intolleranze ed allergia. Il latte di mandorle è molto simile al latte umano.

Il latte di mandorle è ricco anche di vitamina E, che ha un effetto antiossidante ed aiuta a mantenere elastici i tessuti, contiene ferro e zinco ed infine contiene calcio, fosforo, magnesio, potassio e vitamine del gruppo B.

Se dunque vorreste evitare di bere latte vaccino ma non rinunciare del tutto al latte, ecco come fare il latte di mandorle fatto in casa.

Come fare il latte di mandorle

Ingredienti: 200 grammi di mandorle biologiche spellate, 1 litro d’acqua

latte di mandorke 3 300x199 - Come fare il latte di mandorlePer prima cosa si pongono a bagno le mandorle, in acqua a temperatura ambiente, per un’ora. Quindi si scolano e si conserva l’acqua dell’ammollo a cui si aggiunge l’acqua necessaria per raggiungere un litro. A questo punto si frullano le mandorle aggiungendo un po’ per volta l’acqua. Con l’ausilio di un setaccio si filtra il tutto per separare il liquido dalla polpa. Il liquido va conservato in una bottiglia di vetro e lo si può conservare in frigo per tre o quattro giorni. Non c’è bisogno di aggiungere zucchero.

L’idea: con la polpa di mandorle avanzata si può possono preparare dolci e biscotti. Il latte di mandorle può essere adoperato per fare gelati, frullati, piatti di origine indiana ma anche dolci e zuppe. Inoltre lo si può adoperare per la cosmesi come struccante, mentre la polpa può esser adoperata per fare maschere per il viso.

(48)

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.