Philomena di Sixsmith Martin

 Philomena di Sixsmith Martin

Articolo aggiornato il

philomena 185x300 - Philomena di Sixsmith Martin Se vi siete persi Philomena, il film di Stephen Frears uscito nel 2013 con protagonisti Judi Dench e Steve Coogan, rimediate perchè si tratta di un capolavoro. E poi leggete il libro da cui il film è stato tratto ovvero The Lost Child of Philomena Lee di Sixsmith Martin che in Italia è stato appunto pubblicato con il nome Philomena. Una storia vera che vi farà riflettere e vi emozionerà moltissimo.

 Philomena è una donna che non ha mai perso le speranze di rivedere suo figlio. Rimase incinta, nel 1952, che era una ragazzina e la famiglia si vergognava talmente tanto di lei che fu spedita in un convento dove in cambio dell’assistenza ricevuta per il parto doveva svolgere dei duri lavori per lo più di lavanderia. Poteva vedere suo figlio Anthony una volta alla settimana. Finchè un giorno le suore glielo portarono via dandolo in affido ad un’importante famiglia americana, dietro lauto compenso, come erano solite fare con tutti i bambini che nascevano nel convento dalle ragazze a cui veniva data “ospitalità”.

philomena 2 300x200 - Philomena di Sixsmith MartinMartin Sixsmith è un giornalista in cerca di un nuovo lavoro a cui viene presentata la storia di una donna che cerca suo figlio, dopo cinquant’anni. Martin, cinico e disilluso, non è granchè interessato a questa storia dal risvolto umano e non ha grandi aspettative circa questa ricerca. Alla fine però, controvoglia, si lascia coinvolgere ed insieme a Philomena parte sulle tracce di questo figlio perduto.

I due, molto diversi, sulle tracce del ragazzo scopriranno misteriosi incendi, molta omertà ma anche segreti e bugie oltre che tanta ma tanta ipocrisia. Le cose non vanno come Philomena credeva e non mancano certamente gli ostacoli ma Martin la aiuterà a fare luce sulla triste vicenda e Philomena scoprirà che anche Anthony la cercava.

philomena1 300x243 - Philomena di Sixsmith MartinUna storia a dir poco commovente, che non ha mancato di scatenare critiche e pandemonio attorno a questa mercificazione dei bambini, da parte del convento di suore irlandesi citate nel libro. Philomena è tenace, combattiva, speranzosa e, attenzione, non è in cerca di un colpevole o smaniosa di giudicare è solo una madre che ha perso suo figlio ma non la speranza di ritrovarlo. Purtroppo per lei si scontrerà con un muro di ipocrisia vecchia di anni e perpetuata più per fanatismo religioso che per paura di una citazione in giudizio. Alla fine sarà Martin, l’insospettabile uomo tutto d’un pezzo, a farsi travolgere dalla tragedia che si nasconde dietro la triste vicenda di Philomena.

Un romanzo bellissimo, molto consigliato. Buona lettura!

(29)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.